Varese

Per la Comi (Pdl) big match tra Alfano e Formigoni

Lara Comi e Rienzo Azzi, passaggio di testimone?

Alla convention di ieri sera del Pdl, non mancava naturalmente Lara Comi, parlamentare europea, che è stata indicata da più parti come possibile coordinatrice provinciale del partito, in sostituzione di Rienzo Azzi. Si presenta al De Filippi e chiarisce come stanno le cose. “In realtà non c’è stata una mia candidatura – dice la Comi -. Eventualmente ci sarà una volta che è stata decisa la data del congresso, pochi giorni prima. Al momento non c’è nulla”. Sul fronte delle incompatibilità, la Comi taglia corto: “A parte la non possibilità che un sindaco faccia il coordinatore cittadino o un presidente di provincia, il coordinatore provinciale, non vedo altre incompatibilità”.

La Comi parla degli ultimi giorni della politica nazionale, dell’uscita di scena di Berlusconi, dell’ultimo videomessaggio. “Devo dire sinceramente che mi è piaciuto, non remissivo, ma lucido e puntuale, forse uno dei discorsi di Berlusconi che più mi hanno convinto”. Quanto poi alla partita sul post-Berlusconi, la Comi mette i puntini sulle i. “Innanzitutto, Berlusconi non ha ancora escluso di continuare a dirigere il partito. Ma nel caso lui escluda questa possibilità, allora si potrebbero fare le primarie”.

A questo punto la Comi profila, per il dopo Berlusconi, un big match, da cui emerge come possibile uno scontro tra l’attuale segretario, l’ex guardiasigilli Angelino Alfano, e il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, per il trono più alto del Pdl. “Sì, ritengo possibile che, in caso di primarie a livello nazionale, possano scendere in campo entrambi in un confronto che sarebbe davvero interessante”.

16 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi