Regione

Malpensa, Regione continua a crederci. Nonostante tutto

L'aeroporto di Malpensa

L’assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo ha partecipato oggi a Malpensa alla presentazione del progetto preliminare del collegamento ferroviario tra il Terminal 1 e il Terminal 2 e la copertura della linea ferroviaria in accesso allo scalo. L’evento ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Giuseppe Bonomi, presidente SEA e di Norberto Achille, presidente Gruppo FNM.

Continua l’attenzione anche finanziaria verso l’ex hub, nonostante l’abbandono delle compagnie e le incertezze circa la terza pista. Cattaneo dichiara: “questo progetto è la conferma che la Regione Lombardia continua a investire per il  potenziamento dell’aeroporto e per migliorare la sua accessibilità attraverso infrastrutture che lo rendono più agevolmente raggiungibile”. Il nuovo collegamento ferroviario – proseguimento di quello che oggi unisce Milano al Terminal 1 – sarà di 3,4 chilometri complessivi e comprenderà la nuova stazione ferroviaria, un parcheggio da oltre 1.000 posti auto.

“Il Terminal 2 è stato scelto dalle compagnie low cost come propria base operativa – ha proseguito l’assessore -. Questi
voli sono dunque uno degli elementi di sviluppo dello scalo. Per questo occorre che, al loro arrivo, i turisti trovino servizi di trasporto stradali e ferroviari in grado di collegarli con la rete nazionale. Aver portato nei mesi scorsi il Frecciarossa a Malpensa e aver raggiunto i 140 collegamenti al giorno con Milano sono atti concreti che dicono della volontà di agevolare la crescita dell’utenza turistica”.

Oggi è stata inaugurata anche la galleria artificiale per lo sviluppo della cargo city di Malpensa, un tunnel di quasi un
chilometro in grado di sorreggere le 600 tonnellate dell’aereo più pesante del mondo. “Grazie a questa copertura – ha spiegato Cattaneo – sarà possibile ampliare il luogo dove arrivano le merci e si sviluppa il principale polo del trasporto merci aereo del Paese. Tutto questo conferma, da un lato, che il mercato c’è e, dall’altro, l’importanza, anche in un momento di difficoltà, di continuare a investire sullo scalo”.

9 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi