Varese

Polizia contro venditori di fiori. Abusivi e stranieri

Duecento tra rose e mazzi di fiori sequestrati e sanzioni per oltre 6mila euro. E’ questo il bilancio dell’attività della sezione vigilanza della polizia locale negli ultimi giorni. Nella giornata di ieri, mercoledì 2 novembre,  il personale della sezione ha provveduto a svolgere servizi di controllo e di repressione del commercio abusivo effettuato  ai principali incroci da parte di persone extracomunitarie, impegnate nella vendita di fiori recisi.

“Si sono eseguiti pattugliamenti sull’intero territorio cittadino – spiega l’assessore Carlo Piatti – accertando violazioni per circa 6mila euro. L’attenzione è sempre alta, per contrastare al meglio i fenomeni del commercio abusivo che riguarda soprattutto gli incroci semaforici, ma anche, in questi particolari giorni dell’anno, le zone limitrofe ai cimiteri per la vendita di fiori”.

Nel dettaglio sono state accertate due violazioni in via René Vanetti ed in via Sebenico per commercio abusivo svolto senza la prescritta autorizzazione commerciale ad altrettanti cittadini extracomunitari. Sonostate sequestrate 25 rose ed altri numerosi prodotti merceologici (cinture, accendini, accendisigari, accendigas, confezioni di incenso, bombolette di gas, portachiavi, braccialetti, collane e torce). Sono state recuperatealtre 60 rose con la contestazione delle infrazioni previste dall’art 927 del Codice Civile.

Durante l’ultima settimana del mese di ottobre e i primi giorni del mese di novembre, in occasione delle giornate festive, le pattuglie della polizia amministrativa hanno svolto anche controlli nei pressi i diversi cimiteri cittadini. Sono state recuperati circa 100 mazzi di fiori recisi.

3 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Polizia contro venditori di fiori. Abusivi e stranieri

  1. sandro sardella il 5 novembre 2011, ore 13:42

    rifarsi sui più deboli per chi esercita grandi & piccini poteri è sempre una bella prova di gentilezza .. prendersela coi venditori di fiori .. ????!!!!! .. certi strumenti vengano usati per vedere i luoghi di lavoro con lavoratori in nero .. per vedere scempi verso l’ambiente .. tali operazioni di “polizia urbana” hanno un che di ridicolo
    o di perbenismo gretto .. di faciloneria elettoralistica … c’è da vergognarsi .. !!!!!!!!!

Rispondi