Varese

Clerici evoca il “comunista” Guttuso. Il Pd insorge

Il pittore Renato Guttuso

Si concluderà, sabato 5 novembre, alle 11.30, ai giardini di via Morselli, la lunga vicenda della loro intitolazione al ministro fascista Giovanni Gentile. Nonostante proteste e polemiche, la giunta Fontana è andata avanti e all’unanimità ha votato la scelta dell’assessore Stefano Clerici, blindando di fatto la delibera presentata in giunta.

“Ci chiediamo che senso abbia, in un momento di grave crisi economica in cui i problemi di Varese e dei varesini sono ben altri, imporre con prepotenza una scelta che, in quanto ideologica, non può certamente essere condivisa da tutto il Consiglio comunale – dice il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Fabrizio Mirabelli -.  Gentile è stato anche uno dei padri nobili del fascismo per il quale, nel 1922, fu Ministro e del quale, con la pubblicazione, nel 1925, del Manifesto degli intellettuali fascisti, tentò perfino di scrivere il programma culturale, per legittimarlo dal punto di vista teorico”. Continua Mirabelli: “Per quanto ci riguarda, fatichiamo a comprendere come, di questi tempi difficili, Sindaco e Giunta preferiscano dedicarsi alla riabilitazione dei Padri Ideologici del Fascismo, piuttosto che lavorare per Varese e per la nostra comunità”.

Notizia di oggi è che l’assessore Clerici, non contento delle polemiche, ha  dichiarato che i suoi uffici stanno lavorando ad un’altra intitolazione: quella della salita verso villa Mirabello, dentro ai Giardini Estensi, al pittore Renato Guttuso che, come dice rassicurante Clerici, era “notoriamente comunista”.

“In questo modo Clerici conferma la sua malafede – alza il tiro Mirabelli -. In un Paese civile, infatti, l’intitolazione a Guttuso semmai potrebbe avvenire perché, con la sua arte, risiedendo per anni a Velate, ha dato lustro, oltre all’Italia intera, anche alla nostra città. Non certamente perché “notoriamente comunista”. Per quanto ci riguarda, non siamo mai stati contrari, pregiudizialmente, all’intitolazione di luoghi pubblici a personaggi che, con la loro attività, seppure lontani dalla nostra sensibilità politica, hanno indubbiamente contribuito alla crescita morale, civile ed economica del nostro Paese e della nostra città. Lo dimostra, per esempio, il fatto che, nell’indifferenza della maggioranza di centrodestra, siamo stati proprio noi a proporre di ricordare degnamente la figura del grande progettista dell’Aermacchi ing. Ermanno Bazzocchi”.

3 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Clerici evoca il “comunista” Guttuso. Il Pd insorge

  1. umberto brogiolo il 3 novembre 2011, ore 17:27

    Clerici non ne azzecca proprio neanche una. Ma perchè si occupa di intitolazioni? Non è l’Assessore all’Ambiente? Ci sarebbe così tanto da fare nella nostra città! Riponga la camicia nera e si dia da fare per Varese.

  2. bruno il 3 novembre 2011, ore 17:44

    Io non so. Questo sindaco e questa giunta se avvallano una porcheria come questa, hanno proprio perso la trebisonda. Le fabbriche chiudono. Le famiglie non arrivano alla fine del mese. E loro che fanno? Intitolano un giardino al fascista Gentile! Incredibile!!!!

Rispondi