Varese

La Korogocho di Sardella ad “Un posto nel mondo”

L'artista e poeta Sandro Sardella

Tra le tante iniziative della bella rassegna “Un posto nel mondo, percorsi di cinema e documentazione sociale”, organizzata da Filmstudio 90, non può sfuggire il fatto che venga proposta anche un’esposizione che ripropone quella che si è tenuta a Brescia dal 19 febbraio al 6 marzo, dal titolo “Korogocho Dripping”. Si tratta di una mostra di opere di Sandro Sardella, artista del segno e poeta, sul tema “l’Africa che non ho mai calpestata”, dedicata alla tecnica del dripping, cioè sgocciolatura verticale di colore sulla tela.

Sardella era entrato in contatto con la materia su Korogocho (ovvero la baraccopoli di Nairobi, dove ha operato Alex Zanotelli), a seguito di una mostra di Francesco Fantini tenutasi in Sala Veratti nel 2006. L’artista si è appropriato del catalogo fotografico di quella mostra, lo ha smembrato e ha dato vita ad un “album di disegni a vernice nera e lucida in cui prende forma un’umanità inquieta”.   

Una decina di opere in mostra, che si potranno ammirare presso il Cinema Teatro Nuovo da giovedì 24 novembre a martedì 6 dicembre (il catalogo è a acura di abrigliasciolta). Da evidenziare l’adesione di Alex Zanotelli al lavoro artistico di Sardella che “aiuta la tribù bianca e i lumbard in particolare a convertirsi, ad aprirsi agli altri e a credere che un mondo altro può nascere”.

http://www.varesereport.it/2011/02/23/korogocho-versione-sardella-proposta-a-brescia/

31 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi