Varese

La Lega si rompe e a Varese offre il risotto

Carroccio sempre più diviso, con tensioni e fibrillazioni che hanno mandato in soffitta, una volta per tutte, la mitica immagine di un partito monolitico che si stringe attorno al Grande Capo. Gettata alle spalle questa idea, ora non passa giorno senza che una spaccatura, piccola o grande, non esca dalle segrete stanze della Lega Nord. Mille le fratture che si accumulano: lo scontro tra Cerchio magico e maroniani, il contrasto tra primi cittadini leghisti e governo, la divisione tra militanti lumbard e vertici che siedono sulle poltrone romane, senza mai portare a casa, nonostante l’appoggio al governo, il famoso federalismo.

Tensioni e fibrillazioni che hanno toccato l’apice con il famoso congresso provinciale della Lega Nord di Varese, quando la sala si mise a fischiare un Bossi attonito, contestato per la prima volta e apertamente dai suoi stessi militanti.

Forse per esorcizzare questo partito che sempre più rischia di spaccarsi, la sezione varesina della Lega Nord di Varese domani offrirà, in piazza Podestà, alle ore 16, un risotto. E, vista la prossimità di Halloween, il risotto sarà condito con la zucca. Un modo anche per tornare tra la gente, dopo queste settimane di politica romana, tutta mediazioni e riunioni di vertici, con uno stile da vecchia politica.

30 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “La Lega si rompe e a Varese offre il risotto

  1. abramo il 30 ottobre 2011, ore 12:31

    ma chi mangia il risotto alle 16?

Rispondi