Varese

Castello di Masnago, i doni dei nuovi mecenati

La presentazione della tela di Leo Spaventa Filippi da parte della stessa donatrice

Il mecenatismo si è risvegliato a Varese. Un fatto che porta i varesini a donare al Comune opere d’arte. Come è avvenuto oggi al Castello di Masnago, una delle sedi dei Civici Musei di Varese. Nel pomeriggio, le nuove opere sono state presentate al pubblico dagli stessi artisti, che hanno spiegato origini, senso e curiosità di quadri e sculture che sono stati esposti in una delle sale al primo piano del Castello. Nello stesso tempo, il Comune sta provvedendo a restaurare alcune opere già in suo possesso.

Il sindaco Attilio Fontana elogia i nuovi mecenati. “E’ bello vedere che cittadini guardino con attenzione al Comune di Varese, e gli facciano dono di opere d’arte”. Dopo la donazione di Elisa Bregonzio, che ha donato tele di Innocente Salvini, oggi è stata la volta di Antonio Brandirali che ha donato una sua opera, Giovanni Beluffi che ha donato un acrilico, il Circolo degli artisti di Varese che ha donato uno smalto di Giorgio Bongiorni, Ruggero Marrani che ha donato una sua scultura-totem, Gianpiero Castiglioni che ha donato una sua opera dedicata all’11 settembre, Lucia Magatti che ha donato una tavola di Stefano Butera. C’è poi la chicca tra queste nuove opere: la famiglia Spaventa Filippi ha donato una tela di Leo Spaventa Filippi.

Ma al di là di queste opere, si preannunciano donazioni ben più preziose: ad esempio, una donazione di Edoardo Curti che consiste in una decina di sculture del Rinascimento italiano.  In arrivo anche una donazione dei fratelli Prevosti, una decina di opere di Teresa Grassi. Nella riunione di giunta di questa mattina, semaforo verde per due restauri (in pratica solo una pulizia): la bella secentesca “Vergine in gloria” di Antonio Mondino, esposta nella Sala Matrimoni del Comune, e “Tra i fiori”, tela conservata a Masnago, di Tranquillo Cremona.

19 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Castello di Masnago, i doni dei nuovi mecenati

  1. maria il 21 ottobre 2011, ore 15:39

    Che meraviglia l’opera di Stefano Butera!!! E’ davvero spettacolare. Splendide anche le altre, ma la pittura del maestro è davvero eccezionale.
    Complimenti a tutti.
    Maria e fam.

  2. sara il 22 ottobre 2011, ore 11:44

    Stefano Butera è tornato a casa finalmente !!! Un grandissimo maestro varesino!! Complimenti a lui e a chi ha donato questa favolosa opera per la gioia dei nostri occhi.
    L’arte di chi sa dipingere sul serio! Grande maestro!!!

Rispondi