Varese

Brachetti-Fregoli, all’Apollonio è tutto un cinema

Arturo Brachetti

Partenza ieri sera, al Teatro Apollonio di Varese, del nuovo spettacolo di Arturo Brachetti “Ciak si gira!”, un evento che riporta lo straordinario trasformista che non passava dalla città giardino da trent’anni. Uno spettacolo tutto dedicato alla passione per la Settima Arte, che viene evocata in scena con alcuni “blocchi” di personaggi e atmosfere davvero straordinari, che tuttavia non sono riuscite a catturare il pubblico di Varese immediatamente: gli spettatori inizialmente sono parsi un po’ freddi, distaccati, mentre alla fine hanno attribuito all’attore applausi da stadio.

Uno spettacolo, certo, ancora in rodaggio, questo “Ciak, si gira”, dove non tutto è definitivo, non tutto fila nello stesso modo: questa sera, alla seconda messa in scena (sempre alle 21), pare che Brachetti voglia proporre agli spettatori un atto unico, anzichè, come ieri sera, due atti separati da un intervallo. Qualche limatura ancora va fatta, qualche momento dello spettacolo rallenta un po’ rispetto ad altri momenti di “furia” trasformistica, che arriva agli esiti anche in cinque secondi. Ma non appena Brachetti, un vero mito tra i cugini d’Oltralpe, entra nei momenti più strutturati, allora il suo spettacolo è pura magia.

Tra i vari momenti dello spettacolo, assolutamente geniale il “blocco” di una decina di minuti dedicati all’attore Lon Chaney, chiamato l’uomo dai mille volti, e ai personaggi delle sue pellicole in bianco e nero. Così come continua a piacere il già proposto momento dedicato a Federico Fellini, al suo magico circo di personaggi. Ma ciò che più affascina è il momento dedicato al cinema horror, con esorcismi, delitti e torbidi personaggi resi possibili dalle segrete macchine teatrali dell’attore.

Cade un po’ il ritmo al momento degli amarcord personali, con finti-filmini di lui bambino, o in alcuni momenti, eccessivamente lunghi, di dialogo con gli spettatori. Ma, lo ripetiamo, si tratta di un tour partito proprio ieri sera, e dunque il pirotecnico Fregoli torinese avrà modo per resettare un po’ l’opera, che sarà riproposta, alle ore 21, al Teatro Apollonio di Varese, questa sera mercoledì 19 ottobre.

19 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Brachetti-Fregoli, all’Apollonio è tutto un cinema

  1. diesis35 il 19 ottobre 2011, ore 12:51

    Godetevi lo spettacolo!Vi divertirete !

  2. Silvia G. il 19 ottobre 2011, ore 17:41

    condivido. suggestivo e affascinante, nonostante le “cadute di ritmo” (anche su questo concordo in pieno). meraviglioso omaggio al cinema. unica pecca: 35 euro (in galleria) per una famiglia sono tante. non è colpa di nessuno, certo, però… forse spiega un teatro non pieno per un artista di livello internazionale e per tutti i gusti

Rispondi