Regione

Arcisate-Stabio, Cattaneo: no allo stop del cantiere

Il cantiere dell'Arcisate-Stabio

Si è riunita questo pomeriggio a Palazzo Lombardia la riunione tecnica sul collegamento ferroviario Arcisate-Stabio alla presenza dei tecnici degli assessorati alle Infrastrutture e Mobilità, all’Ambiente, e al Territorio di Regione Lombardia, quelli della Provincia di Varese, i rappresentanti dell’impresa costruttrice, di Rfi Italfer e dell’Arpa.

L’Agenzia regionale di protezione ambientale ha confermato l’origine naturale dell’arsenico presente nel terreno del cantiere, e quindi il Tavolo tecnico si è posto l’obiettivo di individuare siti per conferire gli 800 mila metri cubi di materiale per la lavorazione. Ne sono stati indicati alcuni  in provincia di Varese che potrebbero accogliere il materiale, previa verifica con i Comuni interessati.

Alla luce di quanto emerso nei giorni scorsi, rispetto alla difficoltà dell’impresa a portare avanti i lavori di realizzazione dell’opera anche a causa di un difficile rapporto con la stazione appaltante, l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo, ha sottolineato l’assoluta priorità dell’opera: “La sospensione dei lavori rappresenta un fatto di una gravità inaudita. Non accettiamo nessuno stop ai lavori: la bussola che ha sempre guidato e che guida tuttora Regione Lombardia è che un cantiere prioritario per il territorio come l’Arcisate-Stabio
sia completato entro i tempi previsti. Per questo ci siamo immediatamente attivati contattando tutte le parti in causa per risolvere i problemi e riportare al più presto il cantiere a pieno regime”.

Durante l’incontro sono state proiettare le fotografie scattate in mattinata dai tecnici della Sede territoriale di Varese lungo vari punti del cantiere che hanno confermato che è ancora in attività, seppur in forma ridotta. “La presenza degli operai è per noi un segnale che la situazione può essere recuperata – ha affermato Cattaneo -. Per questo motivo ho convocato un’ulteriore riunione con i vertici di RFI e dell’impresa con
l’obiettivo specifico di superare le criticità e dare finalmente nuovo impulso ai lavori. Intanto il confronto odierno ha fatto fare un grande passo in avanti su un problema di grande rilievo come quello della lavorazione dei materiali. Faremo di tutto perché possano essere superate le criticità che si sono verificate in questi giorni, così come anche il territorio ci sta chiedendo”.

17 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi