Varese

Consiglio, documento bipartisan su sanità. Con tagli

L’incontro in Consiglio comunale con il dg dell’ospedale di Varese, Walter Bergamaschi, ha portato ad una discussione aperta e diretta sul futuro della sanità nel capoluogo. Una discussione che ha preso in esame i molti problemi sul tappeto, a partire dai tagli legati alle manovre finanziarie degli ultimi mesi, tradotte sul territorio da una delibera del Pirellone.

Prima della seduta di ierin sera, in conferenza capigruppo, il Pd, il Sel, la lista civica Varese & Luisa avevano proposto un documento che puntava a raccogliere consensi trasversali, una serie di punti bipartisan che fissassero nero su bianco gli obiettivi scaturiti dal confronto di ieri sera in Salone Estense. Un documento poi approvato all’unanimità, pur con qualche taglio significativo rispetto al documento originario. Tra i passaggi tagliati, la tempistica precisa (il documento originario parlava di un’audizione “almeno semestrale”) per quanto riguardava il confronto tra il Consiglio e il dg Bergamaschi.

Altro punto “tagliato” nel documento finale, invece, è relativo al Ponte del Sorriso, il polo materno-infantile che si è trovato al centro delle polemiche nelle ultime settimane dopo alcuni ripensamenti emersi nella maggioranza. Nel documento originario targato centrosinistra si leggeva un passo relativo alla ubicazione del nuovo polo ospedaliero. Si ribadiva che qwuest’ultimo dovesse sorgere “dov’è ubvicato oggi il Del Ponte”, una precisazione sparita nel documento passato al vaglio del Consiglio comunale.

Aggiunta significativa, invece, al documento originario, il ruolo del sindaco, cui spetta di delegare la Conferenza dei capigruppo a ricostituire la Commissione ospedale.

Nel testo che ha visto accandersi ieri sera il semaforo verde da parte del Consiglio si legge: ”siano preservati i posti di lavoro con particolare attenzione ai contratti a tempo determinato della popolazione medico-infermieristica; sia mantenuta l’appropriatezza e la qualità delle cure sanitarie; il sindaco deleghi la Conferenza dei capigruppo per ricostituire la cosiddetta “Commissione Ospedale”, senza oneri a carico dell’Amministrazione, affinché questa possa confrontarsi periodicamente con il d.g. Bergamaschi e tenga monitorata la situazione degli ospedali cittadini; ferme restando le posizioni espresse in Consiglio comunale nella seduta del 14-12-2006, sia confermato dalla Regione Lombardialo stanziamento relativo al terzo lotto dei lavori per la realizzazione del “Ponte del Sorriso”, con il mantenimento degli attuali servizi e degli impegni relativi a quelli fondamentali quali un pronto soccorso, una terapia intensiva, una neuropsichiatria infantile e una chirurgia pediatrica”.

7 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi