Varese

L’Aism premia Aletti Montano. Ed elogia la Brianza

Da sinistra, Paola Della Chiesa, Aletti Montano e Francesca Brianz

Marketing territoriale, la sfida della Provincia di Varese continua. Uno sforzo che viene premiato da riconoscimenti e da elogi. E’ accaduto oggi a Villa Recalcati, in occasione della consegna del prestigioso Premio Tagliacarne a Francesco Aletti Montano, imprenditore che ha realizzato il progetto del Borgo di Mustonate. Parole di elogio sono venute da Franco Giacomazzi, presidente di AISM (Associazione Italiana Marketing), la realtà che ha istituito il premio, nei confronti dell’assessore alla Cultura e Marketing territoriale della Provincia, Francesca Brianza.

Giacomazzi ha aperto il convegno “Nuove formule di marketing per il territorio. Emozionare e valorizzare con i supporti tradizionali e digitali”. Ha sottolineato come l’AISM sia una associazione senza fini di lucro che è nata 60 anni fa con l’obiettivo di diffondere la cultura del marketing. “Per noi sono parole chiave - ha detto il presidente Giacomazzi – territorio, tecnologie digitali, istituzioni, imprese. Resta per noi fondamentale che si crei un circolo virtuoso che veda le istituzioni e le imprese utilizzare tecnologie innovative, e veda le tecnologie capaci di innovarsi”.

Ha preso quindi la parola l’assessore Brianza, che ha ricordato come marketing a volte appaia un termine abusato. “E’ un argomento - ha rimarcato il bravo assessore alla Cultura – che sta molto a cuore alla Provincia di Varese e su cui la Provincia ha investito parecchio. Stiamo rilanciando il turismo, che in una certa stagione era stato dimenticato”. Leva per questo rilancio, secondo la Brianza, “puntare su realtà importanti, eccellenze del territorio proprio come il Borgo di Mustonate”, esemplare dal punto di vista della sinergia tra pubblico e privato. “Una realtà, Mustonate, che ci dice come imprenditori del territorio credano nelle potenzialità del territorio e credano nel fatto che il nostro turismo possa poggiare su vere e proprie perle del territorio”. Non, dunque, un turismo di massa, ma un turismo di qualità.

“Una vera e propria giustificazione teorico-pratica del nostro premio ad Aletti Montano”, ha dichiarato il presidente di Aism rivolgendo un elogio alla Brianza. Dopo gli interventi introduttivi, hanno preso la parola altri protagonisti della tavola rotonda, tra cui il direttore dell’Agenzia provinciale del Turismo, Paola Della Chiesa. Al termine del confronto, è stato assegnato il premio a Francesco Aletti Montano, che ha poi guidato i partecipanti al convegno, tra cui due classi dell’istituto Casula, ad una visita alle bellezze del Borgo di Mustonate.

6 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “L’Aism premia Aletti Montano. Ed elogia la Brianza

  1. pippo il 6 ottobre 2011, ore 18:15

    Ma cosa ha fatto la Provincia e la fantomatica Agenzia del Turismo per il bellissimo borgo creato da Aletti?
    Praticamente vanno in giro prendono ciò che altri hanno creato, ci mettono il marchietto e si fanno fotografare. Questo non mi sembra marketing e mi dispiace che chi è stato giustamente premiato per la sua capacità di innovare un’area, rendendola unica, si sia fatto coinvolgere e fotografare con persone che non hanno molte idee e sfruttano quelle degli altri!!!
    Avanti così…..

Rispondi