Varese

Villa Augusta, l’autosilo a colpi di variante

Il parco di Villa Augusta

Un progetto molto controverso, che nella precedente legislatura sollevò un durissimo ostruzionismo da parte delle opposizioni (cosa più unica che rara). Parliamo del mega-autosilo multipiano interrato, che sorgerà a Villa Augusta a Giubiano, una struttura inutile, ma strenuamente difesa dal centro-destra.

Una volta realizzata, comporterà un danno irreparabile ad uno degli storici polmoni verdi della città. Un parco che dovrebbe essere tutelato e non messo in pericolo per realizzare un parcheggio. 

Questa mattina, il progetto ha fatto un altro passo avanti. Nella riunione di giunta si è acceso il semaforo verde ad una variante urbanistica, la seconda in ordine di tempo, per realizzare il mega-parcheggio. Una variante, quella oggi approvata dalla giunta, che approderà prima in Commissione congiunta Urbanistica e Lavori pubblici, convocata per venerdì 7 ottobre, e poi giungerà in Consiglio comunale.

Tre le modifiche che sono state approvate questa mattina. La prima modifica era relativa alla distanza dalla strada. Secondo il Prg, la distanza dovrebbe essere almeno di 5 metri. “In questo caso – spiega l’assessore all’Urbanistica, Fabio Binelli – non aveva senso, dato che si tratta di un autosilo interrato”. Una seconda modifica riguarda, invece, la permeabilità del terreno in questione: in un caso di questo genere la normativa prevede che almeno il 50% del terreno fosse permeabile, deve cioè consentire il passaggio dell’acqua. Da stamattina questa condizione è cambiata, limitandosi al 30% la parte di terreno permeabile. Infine, si è proceduto ad una riperimetrazione del progetto, dato che si è preso atto che il progetto comportaa più spazio di quello ipotizzato.

Un passo, quello approvato questa mattina, che pare appesantire ulteriormente l’impatto del mega-parcheggio sul parco. Ora la parola passa a Commissione e Consiglio comunale, che dovranno riesaminare le condizioni mutate e giudicare la loro ricaduta da un punto di vista ambientale.

4 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Villa Augusta, l’autosilo a colpi di variante

  1. sandro sardella il 5 ottobre 2011, ore 09:56

    “varianti” di una politica miope ed avariata .. ormai dove si continuano a fare parcheggi in città??! .. dove non si riesce ad avere un centro città pedonale???!
    .. dove non si incentiva l’ingresso in una città respirabile e percorribile????! ..
    è la solita grettezza un poco bottegaia e “ma la gente a piedi non viene ..” ..
    allora per non dispiacere al proprio elettorato avanti con una città caotica dove i suoi gioelli storici stanno soffocati tra cementi e demenza anche antituristica ..
    avanti con le varianti per rimembrare la “città giardino” .. (forse coordinandosi tra comuni creare aree nella cintura .. incentivando il trasporto pubblico .. anzi l’hanno tolto o ridimensionato alla domenica .. città aperte e respirabili non è un’utopia ultraterrestre …………………….. )

Rispondi