Lettere

Non sparate sull’ambiente

Siamo un gruppo di amici appassionati di territorio e ambiente che da anni, oltre che “Il Corriere della Sera”, leggono i quotidiani locali, sia on-line che cartacei. Sabato sera, nella nostra solita uscita settimanale, ci siamo trovati a commentare con indignazione un articolo legato a presunti sperperi di soldi pubblici per l’ambiente, pubblicato con titolo in prima pagina sul quotidiano locale “La Provincia”.

Quando si scrivono certe cose si pensa forse di rivolgersi a dei deficienti, e se è così, provvederemo immediatamente ad eliminare chi ci considera tali dalla nostra rassegna, nessun problema! Se non abbiamo capito male, leggendo l’articolo all’interno del quotidiano, si dice che i 3 milioni di fondi sono per la metà europei e in minima parte della provincia, mentre niente arriva dal comune. Sempre se abbiamo capito bene e se ci possiamo fidare di chi scrive sui giornali, i soldi ci perverrebbero solo ed esclusivamente per l’ambiente e non per altro, quindi, non vedo perché fare inutili polemiche citando  dei poveri innocui ranocchi, peraltro utilissimi.

Inoltre, siamo veramente stanchi, nauseati, sfiduciati ed impotenti di fronte alle notizie che giornalmente ci vengono propinate, riguardanti politici e politica corrotti, veline, processi, scandali, escort e chi più ne ha più ne metta (c’è solo l’imbarazzo della scelta, e qui ci è concessa), notizie delle quali non ci interessa più niente, che ci vengono fornite solo nel tentativo di offuscarci la realtà di quanto sta accadendo nel nostro Paese, di quanto in basso siamo caduti, e di quanto,  noi comuni cittadini, siamo impotenti nel contribuire nel proporre qualche  suggerimento che ci potrebbe in qualche modo tutelare dal continuo ed incessante prosciugamento dei nostri risparmi, accumulati con fatica, sudore e tanti sacrifici nell’arco della nostra vita al fine di permetterci una vecchiaia dignitosa.

Ecco, dopo tutto questo, cosa ci resta se non cercare di tutelare il nostro territorio, salvaguardare anche il nostro ambiente, l’unica cosa certa che magari, anche con il forse, ci garantirà la sopravvivenza, quando a causa di tutte le malefatte dei nostri politici e della nostra politica in generale ci troveremo in bancarotta?

Potremo almeno coltivare il nostro orticello, allevare i nostri animali, recarci a fare belle vacanze in posti ancora incontaminati e protetti nei dintorni, insomma, direi una vita più che dignitosa per gente che nella propria vita è stata abituata a lavorare sodo e non chiede altro!

Visto che ci stanno togliendo tutto, lasciateci almeno questo!!!!Per favore, non permettete che ci venga tolto anche quel poco ossigeno che ancora ci resta. Ma cosa Vi costa? Perché denigrare qualunque cosa buona viene fatta? Ci chiediamo anche perchè, per rendere più appetibili le notizie, si debba distruggere tutto, anche il positivo, lasciate perdere per qualche volta l’ambizione personale e cercate di conservare, anzi valorizzare,  quel poco di buono e bello che ancora ci e’ concesso.

Ci rivolgiamo quindi con questo spirito a tutti i giornali, pregando vivamente chi ci informa di non screditare tutto e tutti ma di raccontare la verità a tanti lettori che, come noi, non vogliono essere trattati da perfetti imbecilli.

Ringraziamo anticipatamente per l’attenzione e porgiamo i nostri migliori saluti.

Giulia, Fernanda, Giuliana, Mario, Luigi, Giuseppe

3 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Non sparate sull’ambiente

  1. cittadino superpartes il 5 ottobre 2011, ore 08:26

    Parlando del comune di Varese l’ambiente per loro riveste un grande interesse in particolare per l’assessore Clerici Stefano titolare della tutela ambiente, infatti sta facendo di tutto per annullare il servizio Guardie Ecologiche, che tanto ha fatto per salvaguardare il territorio. COMPLIMENTI!!!

Rispondi