Varese

Tutti in strada a difendere “Il Ponte del Sorriso”

Volontarie del "Ponte del Sorriso"

La città che oggi è scesa in piazza per sostenere l’ospedale “Ponte del Sorriso” è uno spaccato del meglio che offra Varese. Strade e piazze del centro ospitano tutt’oggi iniziative e attività per raccogliere fondi a vantaggio del nuovo polo ospedaliero materno-infantile. Oltre alle decine e decine di volontari del “Ponte del Sorriso” che si sono distribuiti dove le necessità lo richiedono (da piazza Repubblica a piazza San Vittore, passando per il centro), sono tanti coloro che offrono ai varesini un laboratorio, un buon piatto tipico o un mini-torneo di basket, in cambio di un piccolo contributo che sarà devoluto alla Fondazione Ponte del Sorriso, presieduta dall’indomita Emanuela Crivellaro.

Come ogni anno, anche questa volta protagoniste assolute della manifestazione “Un Sorriso per il Ponte” sono le famiglie, arrivate nel capoluogo un po’ da tutta la nostra provincia. Genitori e figli, da stamattina, fanno educatamente la fila davanti alla bella mongolfiera per salire qualche minuto e vedere piazza Repubblica dall’alto. Se poi si passa in via Volta inizia la fila dei banchi, tra i quali salta all’occhio un bel banco gastronomico che offre salamelle e un buon bicchiere di vino. Altra fila di famiglie su un lato di piazza Monte Grappa per salire sul trenino e fare un giro della città. Laboratori e lavoretti in via Marconi, dove si insegna a fare gettonatissime maschere di Halloween, ma anche fiori di carta e simpatici giardinetti domestici, con terra, vasetti e semi da piantare.

Se si arriva in piazza San Vittore, il grande campo di basket della Pallacanestro Varese vede disputare scontri infuocati tra mini-atleti, e non manca neppure uno stand gonfiabile di “Varese nel cuore”. Sport e movimento in campo, e ai lati del campo fans scatenati, mamme e papà che applaudono e fanno il tifo. Non manca un arbitro ligio al regolamento, che inflessibile dirige il gioco.

Tutta Varese è scesa nelle strade e nelle piazze, un gesto inequivocabile di apprezzamento e di condivisione di un progetto, “Il Ponte del Sorriso” che i varesini e non solo amano. Contro ad ogni dubbio, polemica e ripensamento che possano giungere dal mondo della politica. Ma, si sa, spesso il mondo della politica è lontano anni luce dalla gente comune.

2 ottobre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi