Varese

Bramati: una “Prealpina” che informa senza gridare

Daniela Bramati Ferrario

Pubblico attento e curioso oggi pomeriggio al Caffè Zamberletti di Varese, per ascoltare l’ospite della fortunata iniziativa “I Venerdì di Bruno Belli”: la signora Daniela Bramati Ferrario, editore del quotidiano più amato dai varesini, “La Prealpina”. Certamente un pubblico con non pochi lettori e abbonati allo storico quotidiano varesino, che sta affrontando, in questi mesi, alcune scelte innovative, dal cambio del formato all’edizione web del quotidiano, ma soprattutto il cambio della guardia alla direzione, dove è giunto da un paio di settimane Giampaolo Provenzi.

Presentata con garbo e intelligenza dal giornalista Bruno Belli, la signora Bramati ha presentato la sua idea del quotidiano di sua proprietà. “Un quotidiano equilibrato, specchio del territorio, che informa senza strillare”. E poi un giornale “che interagisce con i suoi lettori, che dà spazio ad opinioni diverse e che qualche volta puà anche farsi portavoce di istanze del territorio”. Esemplificando, la signora Bramati ha citato il caso di Varese diventata provincia, un risultato al quale diede un contributo decisivo il quotidiano che ora ha la sua sede varesina in via Tamagno.

Insomma, una informazione “libera e indipendente”, ha rimarcato l’editore del quotidiano, con un occhio al territorio. “Certo – ha detto la Bramati – il giornale provinciale ha limiti e vincoli, ma deve essere sempre attento a rispettare le varie caratterialità dei luoghi in cui viene letto, dall’Altomilanese fino al confine svizzero”.

Quanto alla novità della nuova edizione on line, l’editore non ha usato giri di parole. “Non si può stare fuori dal mondo. Ma occorre accettare le sfide del cambiamento”. Con la consapevolezza delle differenze tra informazione cartacea e informazione via web. “Se la Prealpina cartacea offre commenti e approfondimenti, quella on line offre notizie con uno stile più svelto, più sciolto, più leggero”. Ad accomunare le due edizioni, la correttezza dell’informazione e la capacità di essere specchio del territorio.

30 settembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Bramati: una “Prealpina” che informa senza gridare

  1. Davide il 1 ottobre 2011, ore 12:26

    Informa senza gridare?? è lo stesso giornale che l’altro giorno ha sparato in prima pagina la macchia di sangue di un morto sul lavoro e fa lo stesso con ogni incidente!

Rispondi