Varese

Sindaco eletto anche dagli stranieri. Sabato si firma

Da sinistra Pessina, Pinzone e Riccardi

Una mobilitazione dal basso, che raccoglie associazioni e movimenti, e mette sul tavolo il tema dei diritti di cittadinanza degli immigrati. E’ la campagna ”L’Italia sono anch’io”, presentata oggi presso le Acli di Varese. Parte sabato 1 ottobre la raccolta di firme per sostenere due proposte di legge di iniziativa popolare inserite nell’ambito dei 150 anni dell’Unità d’Italia. La raccolta di firme a Varese, sabato 1 ottobre, sarà fatta presso un gazebo disposto in piazza Podestà, dalle ore 16 alle ore 18.30.

Nel primo caso si chiede di cambiare la normativa sul diritto di cittadinanza. Con una firma cancellare l’assurdità di nascere in Italia, ma non essere considerati italiani. E’ ciò che accade a chi ha genitori stranieri, è nato e cresciuto qui, ma deve aspettare di compiere i 18 anni per ottenere la cittadinanza. La stessa cosa vale in caso di ricongiungimento famigliare: anche in questo caso, i bambini devono aspettare la maggiore età. Nel caso della seconda proposta di legge chiede che ai cittadini stranieri regolari presesnti nel nostro Paese, venga concesso il diritto di voto alle elezioni amministrative.

“Sono due proposte di legge – dichiara Ornella Riccardi, della segreteria provinciale della Cgil di Varese – sostenute da un fronte molto ampio di associazioni ed espressioni della società civile, 20 a livello nazionale, mentre a Varese sono 32. Proposte che intercettano una sensibilità trasversale rispetto ai partiti, la quale smentisce il luogo comune dei varesini o dei varesotti come razzisti”.

A Varese le due proposte di legge sono sostenute da Acli provinciali di Varese, Cgil Varese, Libera coordinamento provinciale Varese, Arci comitato provinciale Varese, Uisp comitato provinciale Varese, Associazione I colori del mondo, Anpi sezione Varese, Cooperativa Lotta contro l’emarginazione, Sei Ugl Varese, @ssoci@zion@ Cultur@ V@rese un’altra storia, Mediazione Integrazione onlus, Associazione donne immigrate provincia di Varese onlus, Legambiente Varese, Coordinamento migrante Varese, Movimento ubuntu, Associazione Il ponte, Caritas, Sanità di frontiera, Gruppo consiliare “Luino futura”, l’Albero di Antonia circolo Arci, Anolf Varese onlus, Cisl Varese, Associazione Yacouba per l’Africa, Comitato varesino per la Palestina, Ipsia Varese Acli, Donne in nero, Associazione Voce; Coordinamento immigrati Cgil Varese, Comitato hotel Plaza, Circolo Acli colf Varese, Coordinamento donne Cgil e Uil.

28 settembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi