Varese

“Varese Donna” premia l’eccellenza al femminile

La brava Elena Sartorio, presidente della Consulta femminile della Provincia di Varese

Un organismo impegnato con grande passione in una continua attività di promozione e valorizzazione della donna nella società e sul territorio varesino. La Consulta femminile della Provincia di Varese, presieduta dalla intelligente Elena Sartorio, punta a dare attenzione e visibilità alle figure femminili di eccellenza della società locale. Un assunto che sta alla base del premio “VareseDonna”, quest’anno alla sua prima edizione, che la Sartorio e l’assessore Christian Campiotti hanno lanciato questa mattina a Villa Recalcati a Varese.

L’obiettivo di questa manifestazione è porre all’attenzione generale tre figure femminili che si siano distinte in particolari settori di interesse, che verranno individuati ogni anno da un apposito gruppo di lavoro. Per il 2011 gli ambiti scelti sono: scuola, lavoro ed imprenditoria, cultura e comunicazione.

Entro giovedì 27 ottobre enti pubblici o gruppi di almeno 10 privati cittadini possono quindi presentare alla Provincia di Varese le candidature di donne impegnate negli ambiti sopra indicati, secondo le modalità specificate in un apposito regolamento, da leggere con attenzione, disponibile sul sito della Provincia (www.provincia.va.it/DONNE.htm).

Un premio importante, che la Sartorio, presidente della Consulta femminile provinciale, spiega con lucidità e precisione: “Il premio è l’espressione concreta della grande attività svolta dalla Consulta in questi mesi. L’iniziativa nasce dalla volontà di voler valorizzare le figure femminili del nostro territorio e che hanno dato lustro alla provincia con il loro impegno in settori quali scuola, lavoro e imprenditoria e cultura e comunicazione».

L’intento del premio “VareseDonna” è, inosmma, quello di valorizzare il ruolo e l’impegno delle donne nel lavoro, nel sociale e in famiglia, dovranno essere segnalate donne che sanno essere eccezionali nelle vita di tutti i giorni anche senza essere note al grande pubblico, vivendo la propria attività con competenza e responsabilità. E’ quindi fondamentale che i cittadini si facciano promotori di candidature soprattutto di persone magari poco note, ma che sono la mente pensante ed il motore portante di tante situazioni sociali, educative e professionali. Una giuria composta da rappresentanti della Consulta Femminile Provinciale, della Provincia, e da esperti dei settori individuati per l’edizione in corso, selezionerà le candidature pervenute .

L’appuntamento finale è fissato per il prossimo 28 novembre quando le protagoniste di “VareseDonna 2011” verranno premiate in una cerimonia pubblica.

27 settembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi