Varese

Lega Nord, grandi manovre verso l’assise provinciale

Grandi manovre nella Lega Nord di Varese in vista del congresso provinciale. Dopo la spaccatura avvenuta per eleggere il segretario cittadino, con una sezione divisa quasi a metà, ora il Carroccio deve affrontare l’assise provinciale, in programma il 9 ottobre, e decidere chi riceverà il testimone dall’attuale segretario provinciale, Stefano Candiani.

Urne aperte, per tutta la giornata di oggi,  nella sede di via Magenta a Varese per scegliere i 200 delegati che decideranno chi sarà il nuovo segretario del Carroccio a livello provinciale. A metà pomeriggio è giunto in sede anche il ministro dell’Interno, Roberto Maroni. Ad avere diritto di voto i 960 iscritti in possesso della tessera da militante da almeno un mese. Candidati i leghisti con almeno un anno di attività nel Carroccio.

Pare inevitabile uno scontro tra componenti diverse. Tra un’ala più vicina al cosiddetto “cerchio magico”, i fedelissimi di Bossi, e i maroniani di più stretta osservanza. Tra le voci di corridoio si parla di Maurilio Canton, sindaco di Cadrezzate, molto vicino al capogruppo leghista alla Camera, Marco Reguzzoni. Per quanto, invece, riguarda la componente maroniana ortodossa, qualcuno fa il nome del consigliere comunale varesino, Emanuele Monti, che ha svolto egregiamente il ruolo di commissario della sezione cittadina della Lega.

Non si può escludere neppure un nominativo di mediazione tra le varie “correnti”. Ma al momento appare difficile, se non impossibile, individuare un simile profilo all’interno del Carroccio della provincia di Varese.

25 settembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi