Canton Ticino

Frontalieri, parte tavolo tra Lombardia e Canton Ticino

A Bellinzona si è fatto un primo passo verso una soluzione dei problemi che riguardan0 i lavoratori frontalieri. Un tavolo permanente affronterà le questioni legate ai rapporti transfrontalieri fra Lombardia e Canton Ticino. Protagonisti dell’iniziativa, il Consiglio regionale lombardo e e il Gran Consiglio del Canton Ticino, che si occuperanno soprattutto di lavoro e infrastrutture. E’ punto d’arrivo del confronto di oggi tra le delegazioni guidate da Davide Boni e Gianni Guidicelli.

Una soluzione che riguarda da vicino i 50 mila lavoratori frontalieri che, dalle province di Varese, Como e Sondrio, tutti i giorni si recano in Svizzera. Problema fondamentale sul tavolo il blocco dei ‘ristorni’ all’Italia deciso dal Ticino per ottenere dal governo la cancellazione della Svizzera dalla black list dei paradisi fiscali.

“Ognuno fa la sua parte – ha spiegato il leghista Boni -, e ci riuniremo per affrontare i prpoblemi, consapevoli che le cose che ci uniscono al Canton Ticino sono piu’ di quelle che ci dividono’’. ”Un passo avanti – ha dichiarato il presidente del Gran Consiglio della Svizzera italiana -, c’è la volontà di arrivare a risultati concreti”.

21 settembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi