Gavirate

Varese, paradiso delle orchidee. Mostra al Chiostro

La presentazione dell'iniziativa

Varese, paradiso delle orchidee, il fiore raffinato e misterioso che sta vivendo un momento di grande successo a tutte le latitudini del mondo. Nella nostra provincia si concentrano più produttori che in tutto il Bel Paese. Un bel primato, non c’è che dire, che spiega il fatto che nel prossimo weekend, 9, 10 e 11 settembre, si svolgerà negli spazi del Chiostro di Voltorre (Gavirate) la manifestazione “Varese Orchidea ‘11”, esposizione internazionale di orchidologia , che in programma presenta conferenze a tema, seminari e corsi. E, naturalmente, la possibilità di acquistare questo bellissimo fiore. Non ci sarà che l’imbarazzo della scelta, dato che sui banchi della mostra saranno esposte alcune migliaia di piante con prezzi alla portata di tutti e prezzi da collezionisti.

Un universo sconosciuto ed affascinante, quello delle orchidee. Un forte impulso per realizzare la mostra è venuto dall’assessore provinciale all’Agricoltura, Bruno Specchierelli. “E’ una iniziativa che punta a fare conoscere l’orchidea alla gente, togliendola da quel piedistallo dove spesso viene collocata”. Ma il vero braccio operativo della kermesse è certamente l’Alao (Associazione Lombarda Amatori Orchidee), che conta diversi associati sul nostro territorio. E nella mostra di Voltorre forse giungerà qualche raggio da un universo vegetale ricco e suggestivo. A parlarne è Sandro Sartorio, dell’Alao, che rievoca l’antica tradizione varesina della coltivazione di questo fiore. “Un’eccellenza assoluta per noi – dice –, che tuttavia è poco conosciuta”. Mentre è assai più conosciuta all’estero, in Inghilterra, negli States.

Ma è merito di Alessandro Valenza, 35 anni, produttore di orchidee in quel di Marzio, appassionato fin dalla più tenera età (“non mi offendo se mi chiamate agricoltore”, dice sorridente), se dal mondo delle orchidee trasuda qualche segreto. Sì, perché, come dice Alessandro, la più parte dell’anno all’estero per il suo lavoro, “da queste piante si estraggono anche principi per fare medicinali”. Un fiore di cui Valenza illustra la varietà estrema, frutto di un punto altissimo di evoluzione nel mondo vegetale. E di una apoteosi della biodiversità, con le 30 mila specie diverse che esistono al mondo. Un fiore bellissimo, che può portare alle soglie della follia. Alessandro e Sartorio evocano una sorta di “dipendenza” da orchidea: la “orchidofilia”, se non addirittura una forma di “orchidofollia”. Alessandro ricorda anche le diverse credenze relative al potere afrodisiaco di questo fiore. E Sartorio accenna al fatto che una orchidea (la catteleia) è simbolo di profferta amorosa e, dunque, dono proibito per una bella signora. E ancora altro: come il fatto che, in pasticcieria, forse non si sa che anche la vaniglia si estrae dall’orchidea.

8 settembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, paradiso delle orchidee. Mostra al Chiostro

  1. Daniela Puricelli via Facebook il 12 settembre 2011, ore 21:02

    L’ho visitata ieri molto interessante, bella l’ambietazione e molta varietà di esemplari poco comuni. Peccato i prezzi un po’ alti delle piante , pur trattandosi di prodotto a Km 0… ovvero dal produttore al consumatore…

Rispondi