Politica

Dietrofront del governo sulle pensioni

Il ministro Giulio Tremonti

Manovra in alto mare. Il governo, a fronte delle proteste e delle polemiche, ha deciso di rinunciare a toccare le pensioni. Cancellato, con un colpo di spugna, le conclusioni del vertice di Arcore. Salta così la scelta di riscattare il periodo di laurea e quello di leva ai fini del calcolo degli anni di lavoro.

La decisione di fare un passo indietro sulle pensioni è stata presa in un vertice al ministero dell’Economia tra il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, e quello per la Semplificazione, Roberto Calderoli. Così, dopo un’apparente sconfitta del Carroccio, che sulle pensioni aveva fatto muro, ora le cose sono cambiate. Che fare, al posto delle pensioni? La maggioranza sembra orientata ad inasprire la lotta all’evasione e domani dovrebbero arrivare gli emendamenti con cui il governo intende trovare 1,5 miliardi di euro in due anni. Si riaffaccia anche l’ipotesi di un aumento dell’Iva.

Della manovra comunque non si parlerà nel Consiglio dei Ministri di domani, ha tenuto a precisare Palazzo Chigi, dove verranno esaminati esclusivamente i decreti sulla giustizia civile.

Nel frattempo anche Cisl e Uil hanno annunciato che scenderanno in piazza. Le due segreterie sindacali hanno proclamato la mobilitazione generale per i prossimi giorni, a partire dal presidio al Senato che si terrà domani.

31 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Dietrofront del governo sulle pensioni

  1. Antonia Calabrese via Facebook il 31 agosto 2011, ore 21:46

    la cosa piu assurda è che hanno cancellato il contributo di solidarietà…i ricchi non si toccano. salta per aria tutto tra un po se andiamo avanti così …

  2. ombretta diaferia il 1 settembre 2011, ore 11:05

    Per un governo balneare
    è naturale navigare a vista
    in alto mare…

    Ci dobbiamo rassegnare al Robin tax Tarantini, l’unico che riesce ad “estorcere” danaro ai potenti, gli stessi che dichiarano: “Ho solo aiutato una persona e una famiglia con bambini in gravissime difficoltà economiche”…

    That’s Italian Style…

Rispondi