Varese

Teatrino Santuccio, il Comune lo affida al Gulliver

Il Teatrino Santuccio

Quando la solidarietà va a braccetto con la cultura. La soluzione non è ancora ufficiale, ma ormai il dado è tratto. La gestione del Teatrino Santuccio di Varese, il palcoscenico-bomboniera nel cuore della città, verrà presto affidata dal Comune di Varese al Centro Gulliver, una realtà importante del mondo del non profit, che svolge un ruolo significativo sul fronte dell’aiuto alle famiglie e del recupero dei tossicodipendenti.

La notizia circolava da alcuni giorni, ma oggi è lo stesso assessore alla Cultura, Simone Longhini, a confermarla. ”In questi mesi ci abbiamo ragionato con il Gulliver e adesso siamo giunti a un buon punto”. Una decisione innovativa, quella di coinvolgere il centro diretto da don Michele Barban, nella non semplice gestione di una struttura dalla storia travagliata. Prima il Comune aveva costituito una associazione, Il Vellone, presieduta dal giornalista Gianluigi Paragone, alla quale dare in gestione il Teatrino con affidamento diretto. Poi era stata indetta una sorta di gara, ma non aveva portato ad alcuna soluzione. A quel punto il Comune ha preso in mano direttamente il Teatrino.

Ora la soluzione-Gulliver consente di uscire dallo stallo attuale. Uno stallo che deriva dal fatto che, a fronte di un costo pesante a carico di Palazzo Estense, per il Teatrino (ogni anno, il Comune paga alla Fivar, proprietaria del teatro, una pigione di 42.500 euro più Iva, oltre al pagamento di gas, acqua ed elettricità), l’utilizzo culturale della struttura è sempre stato scarso, tanto da far risultare uno spreco le ingenti risorse spese dal Comune in un momento di crisi come questo. Al Gulliver il Teatrino di via Sacco verrebbe dato in gestione con affidamento diretto, in quanto si stratta di una Onlus che opera sul territorio.

Sarà poi lo stesso Gulliver a svolgere un’opera di raccordo e coinvolgimento di altre associazioni sul territorio, in modo che possa essere garantito un cartellone di iniziative in grado di fare rivivere il palcoscemico dedicato al grande attore Gianni Santuccio.

30 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Teatrino Santuccio, il Comune lo affida al Gulliver

  1. franco giannantoni il 2 settembre 2011, ore 16:09

    Caro Direttore, non capisco la notizia. Il Comune di Varese affida in gestione diretta al Gulliver il teatrino di via Sacco. Affida il Teatrino ad un privato perchè la Onlus è un privato. Chi paga? E quale garanzia ha il “pubblico” cioè il Comune e i cittadini circa il programma di utilizzo della struttura? Cosa significa opera di raccordo con le altre Associazioni? Quale sarà il profilo politico-culturale del “raccordo” e dei programmi? Mi può chiarire meglio di cosa si tratta? Scusi del disturbo e grazie, Franco Giannantoni

Rispondi