Varese

Comune, stop a studio dei colombi con vivisezione

L'assessore Stefano Clerici

La lotta contro la proliferazione dei colombi non conosce tregua. Una popolazione a rischio di aumento numerico, nonostante le iniziative promosse per tenere sotto controllo e ridurre questo rischio. Tra le tante iniziative era stato anche contemplato un acccordo, tra Asl e Comune, che andava in questa direzione.  Si trattava di uno studio realizzato dall’Università degli studi di Milano, che rientrava nella campagna di contenimento dei colombi a Varese. Uno studio che sarebbe costato al Comune di Varese oltre settemila euro. Ma oggi questa intesa è stata revocata dalla giunta riunita a Palazzo Estense.

“Era uno studio che avrebbe approfondito l’impatto della presenza dei colombi sul fronte sanitario – spiega l’assessore all’Ambiente Stefano Clerici -. Uno studio che certamente non avrebbe offerto grandi novità sul piano scientifico”. Non solo: lo stop è legato anche al fatto che, per raggiungere alcune conclusioni scientifiche, una cinquantina di piccioni sarebbe stata sottoposta alla vivisezione. “Oltre ad essere inutile – continua l’assessore -, mi ripugnava da un punto di vista etico. E io stesso, quando mi trovavo in Commissione, nella scorsa legislatura, mi ero già opposto a questa iniziativa contro il parare dell’allora assessore”.

Gli oltre settemila euro saranno così utilizzati su altri fronti. Avverrà una disinfestazione delle larve di zanzara alla Schiranna, mentre, per quanto riguarda i piccioni, si proseguirà a distribuire ai piccioni mangime anti-fecondativo. “Spingeremo la polizia locale ad essere inflessibile con coloro che alimentano i colombi in città”, conclude Clerici.

30 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Comune, stop a studio dei colombi con vivisezione

  1. ombretta diaferia il 30 agosto 2011, ore 15:28

    direi che il neo assessore ci sta dando grandi soddisfazioni…
    grazie Clerici per aver fatto seguire azioni alle parole
    contro la vivisezione dei colombi!!!!

    E, guarda un po’, ci fa risparmiare anche settemila euro…

    Che dice ora quel genio dell’ex Assessore che ha fatto più danni ambientali che politici alla nostra città e per cui lo studio era imprenscindibile e non costava neppure troppo?

    Ora ci aspettiamo l’indagine epidemiologica per l’elettrosmog…

Rispondi