Milano

Più di mille sindaci contro la manovra in piazza Scala

Straordinario successo della marcia bipartisan dei sindaci a Milano contro la manovra del governo e i tagli agli enti locali. Erano almeno mille i sindaci che a mezzogiorno sono partiti dal Pirellone e si sono diretti in piazza Scala, a due passi da piazza Duomo, cuore della metropoli.

Un lungo corteo che rappresentava 1.936 Comuni, e che era aperto dallo slogan ”Giù le mani dai Comuni”. Lo striscione era portato dal presidente della Provincia di Milano Guido Podestà, dal sindaco di Torino Piero Fassino, dal sindaco di Verona Flavio Tosi e dal sindaco romano Gianni Alemanno.

Gremito l’auditorium sotto il Pirellone. Dopo aver ascoltato gli interventi di Roberto Formigoni, Guido Podestà, Giuliano Pisapia e Attilio Fontana, sindaco di Varese e presidente di Anci Lombardia, la marea delle fasce tricolori, al canto dell’inno di Mameli, hanno percorso una delle vie principali di Milano, fino al centro storico. Un coro è partito spontaneo, ”Siamo noi, siamo noi, la risorsa dell’Italia siamo noi”.

Tra i sindaci, in prima fila, Attilio Fontana, sindaco di Varese e presidente di Anci Lombardia. “Siamo qui tutti insieme, senza distinzioni tra sindaci della Lega, del Pdl e del Pd. Siamo qui anche a dimostrare che i sindaci sono la parte migliore della politica italiana”.

Nel pomeriggio una delegazione dei sindaci è attesa in Prefettura a Milano, dove sarà ricevuta dal ministro degli Interni, Roberto Maroni, che ascolterà i sindaci e riferirà il risultato dell’incontro di maggioranza che si è svolto questa mattina ad Arcore.

29 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi