Rimini

Al Meeting dialogo costruttivo sul carcere dei Miogni

Una foto dei partecipanti all'incontro avvenuto al Meeting

Un incontro fattivo, che ha visto una comune volontà di migliorare la situazione del carcere varesino. Si è svolto questa mattina, al Meeting di Rimini, l’incontro tra don Marco Casale, cappellano del carcere dei Miogni, e i responsabili della Cooperativa sociale Giotto di Padova, una realtà che da tempo è impegnata sul fronte dell’intervento nei carceri, in particolare con lavori nell’ambito della pasticceria. Presente all’incontro l’assessore a Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, il quale, dopo una sua visita ai Miogni, aveva sottolineato l’importanza di impegnare i carcerati nell’esperienza lavorativa, al momento riguardante solo un quarto dei reclusi.

“Un incontro positivo e interessante – dichiara don Marco Casale -, che ci ha portato a confrontare l’esperienza di Varese e quella di Padova. Un punto d’inizio, certo, che ci condurrà, nei prossimi mesi, ad approfondire la conoscenza reciproca”. Don Marco spiega che sono stati programmate una “missione” a Padova da parte nostra, e una visita degli operatori della Giotto a Varese. ”Abbiamo parlato della possibilità di portare lavoro anche a Varese – continua il cappellano varesino -, magari aprendo un nuovo mercato ai prodotti realizzati dai carcerati. Ma è necessario che prima si valutino attentamente spazi e risorse da impegnare in questa importante esperienza”.

Un incontro interlocutorio, in cui una prima tappa si è profilata. Una tappa di avvicinamento e di approfondimento delle reciproche esperienze. Ora si tratta di continuare su questa strada.

26 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi