Lettere

Un sindaco e la manovra

Lunedì 29 agosto parteciperò, insieme a tanti altri colleghi Sindaci, alla manifestazione che Anci ha organizzato a Milano presso l’Auditorium Gaber in concomitanza con il dibattito sulla manovra economica in Commissione al Senato. Una grande manifestazione contro le norme riguardanti i piccoli Comuni e contro i tagli che colpiranno tutti i Comuni. Lo faccio convintamente

nella speranza che questa manifestazione corale e senza bandiere di parte possa servire di stimolo ai nostri Deputati e Senatori per affrontare al meglio la discussione in Parlamento su un nodo centrale per la nostra Democrazia, perché il rischio tangibile è quello di colpire (e affondare definitivamente) proprio quelle istituzioni che quotidianamente si confrontano con i cittadini per rispondere ai loro bisogni e risolvere i loro problemi.

Tante volte ho sentito i nostri parlamentari, di qualunque orientamento essi siano, parlare di difesa del territorio, salvaguardia delle identità, aiuto ai più deboli, valorizzazione delle specificità locali e così via, ma in tutta onestà non mi è ben chiara quale sia la posizione dei parlamentari varesini su questa parte della manovra che va a colpire i Comuni. Mi pare ci sia un po’ troppo silenzio da parte di tutti su questo argomento.

Vorrei dunque fare a loro alcune semplici domande alle quali, spero, vorranno rispondere pubblicamente, in modo da chiarire a noi amministratori locali e ai nostri cittadini quale sia la loro posizione. Così ce ne ricorderemo anche alle prossime elezioni e trarremo le nostre valutazioni, come ha giustamente detto un sindaco piemontese durante la manifestazione di oggi a Torino.

Egregi Senatori e Deputati (e pure Ministri) eletti o residenti in Provincia di Varese: Cosa ne pensate della norme previste per i piccoli Comuni?         Ritenete davvero che questa sia una scelta intelligente per tagliare i costi della politica? Non pensate che i veri costi della politica stiano altrove?          Non ritenete che tagliare i piccoli Comuni significhi eliminare un tessuto sociale fondamentale, fatto di operosità, volontariato e passione? Vi adopererete per evitare ulteriori tagli a tutti Comuni, piccoli o grandi che essi siano? Nello specifico e molto in concreto, senza tanti giri di parole inutili, avete intenzione di fare qualcosa in Parlamento durante la discussione della manovra? Che proposte state preparando? Quali eventuali emendamenti?

Un grazie anticipato a tutti colori che vorranno rispondere anche se, in questo caso, rispondere non è solo un gesto di cortesia, ma anche e soprattutto un dovere per chi abbiamo eletto a rappresentarci. Un grazie a lei Direttore se vorrà farsi portavoce di queste domande attraverso il suo giornale.

Massimo Nicora

Sindaco di Cazzago Brabbia (VA)

23 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi