Varese

L’ozono schizza a Varese e Clerici raccomanda

L'assessore Clerici

Anche l’assessore all’Ambiente del Comune di Varese, Stefano Clerici, si è accorto che l’ozono due giorni fa è schizzato in città e, dunque, prende la parola per invitare e raccomandare. L’Arpa ha infatti segnalato, per il 21 agosto, il superamento della soglia di attenzione per l’ozono, come rilevato dalla stazione di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico di via Manin.

Da questo dato di fatto, parte Clerici per una serie di riflessioni che lasciano quanto meno perplessi: “l’ozono è indispensabile alla vita quando si trova nella stratosfera (e quindi ad una quota ben più alta delle cime più elevate), ma può divenire pericoloso per la salute per elevate concentrazioni nella troposfera, ossia nella parte di atmosfera più bassa, a diretto contatto con il suolo e gli esseri viventi”. Poi aggiunge: “non esistono sorgenti di emissioni di ozono rilevanti, ma le concentrazioni più elevate si registrano in primavera ed in estate, nelle ore centrali della giornata, quando maggiore è l’incidenza dei raggi solari, poiché l’ozono si forma in atmosfera in presenza di radiazione solare e dei suoi precursori, gli ossidi di azoto ed i composti organici volatili”.  

Per i prossimi giorni, in cui si  attendono ancora concentrazioni elevate di ozono, l’assessore all’Ambiente invita ”la cittadinanza a contribuire alla riduzione delle concentrazioni di ozono limitando l’uso degli autoveicoli e dei motocicli” e “il Comando della Polizia Locale ad intensificare i controlli preordinati alla verifica del rispetto dei limiti di velocità dei veicoli”. Clerici infine raccomanda ”di limitare l’attività fisica all’aperto nelle ore calde della giornata e in vicinanza delle sedi viabilistiche”.

23 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti a “L’ozono schizza a Varese e Clerici raccomanda

  1. Donatella Grassi via Facebook il 23 agosto 2011, ore 17:41

    uuhh…mama….fa già caldo..e questo arriva con le raccomandazioni!!!…

  2. Cittadinosuperpartes il 23 agosto 2011, ore 18:53

    Guardi che l’acqua calda l’hanno gia’ inventata, quello che lei dice e’ conosciuto gia’ anche dal mio nipotino che frequenta l’asilo Oppure e’ solo un modo per farsi mettere sempre in prima pagina Le consiglio di occuparsi di cose ben piu’ urgenti nel suo assessorato riguardanti l’ambiente

  3. Giacomo il 23 agosto 2011, ore 19:21

    Tranquillo Stefano che a Varese, con tutte le strade aperte o bloccate, non ci si circola…

  4. Matteo il 24 agosto 2011, ore 14:12

    Clerici, ma va a lavurà va…son capaci tutti di copiare qualche “frasuccia” pronta e confezionata da internet. Pensa a fare qualcosa di concreto, non solo slogan copiati per farti vedere che sai di cosa parli.

Rispondi