Rimini

Al Meeting piéce-omaggio allo scrittore Eugenio Corti

Lo scrittore Eugenio Corti

Tra gli appuntamenti più attesi al Meeting di Rimini certamente l’omaggio ad Eugenio Corti, scrittore lombardo novantenne. Un omaggio originale, dato che allo scrittore è stata dedicata una piéce dal titolo “Scolpire le parole”, un testo teatrale ricavato dai pensieri e dai testi dello stesso Corti, con l’attore vicino a Testori, Andrea Soffiantini, recentemente protragonista di uno spettacolo al Sacro Monte di Varese, e con Paola Scaglione, scrittrice, nel ruolo degli autori-attori.

Nello spettacolo, Soffiantini veste i panni dello stesso scrittore, mentre la Scaglione (biografa e studiosa dell’intera opera cortiana) da’ voce alle domande e alle interlocuzioni che i lettori abitualmente pongono allo stesso Corti.

“Portiamo in scena una letteratura che nasce dalla vita, parole che assumono la forma di carne e di storia”. Cosi’ Paola Scaglione spiega l’opera che viene presentata al Meeting. “E’ una letteratura che da sempre si e’ confrontata con le grandi questioni della bellezza, dell’amore, dell’ideologia, della morte. Sempre partendo da un’ipotesi di misericordia e di fede cristiana vissuta”.

22 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi