Varese

Record estivo di prestiti nelle biblioteche targate Varese

Il miglior compagno di viaggio, anche in provincia di Varese, è un buon libro. Lo confermano i dati inerenti ai prestiti della Rete Bibliotecaria della Provincia di Varese, alla quale aderiscono ben 106 biblioteche su un totale di 120. I numeri, infatti, evidenziano un buon incremento di richieste proprio nel periodo vacanziero.

A livello di prestiti, la parte del leone tocca a luglio, mese in cui si è registrato il record di libri “in uscita”, arrivati a 123 mila volumi. In ogni caso la media mensile dei prestiti si attesta attorno ai 100 mila volumi, numero che segna una crescita di utenza e di lettori rispetto al passato. In riferimento al solo 2010, nelle biblioteche della rete provinciale, si è registrato un 10 percento in più di titoli prestati. Successo dovuto a una dettagliata linea programmatica che ha ampliato i giorni e gli orari di apertura delle biblioteche, informatizzato gli scaffali, tanto che da 4 anni è possibile consultare il patrimonio documentario e prenotare il titolo scelto direttamente dal computer di casa, promosso una serie di iniziative e appuntamenti culturali proprio negli ambienti delle biblioteche. Non ultima la scelta di mantenere gratuita l’iscrizione al servizio degli utenti, un segnale positivo in un momento non certo semplice per l’economia nazionale, che inevitabilmente si riversa anche su quella famigliare.

Tra le novità online, all’indirizzo www.webopac.bibliotecheprovinciavarese.it, introdotta da qualche mese e particolarmente apprezzata dagli utenti informatizzati, che ormai rappresentano circa la metà degli utenti (121 mila utenti totali), c’è sicuramente la pubblicazione dell’immagine di copertina e la recensione del volume. Un modo questo per dare maggior indizi nell’individuazione delle letture.

Vasta è la scelta alla quale si trova di fronte l’utente: dai libri per i più piccoli, fino ai best sellers, senza dimenticare le guide turistiche e soprattutto il materiale multimediale (audiolibri, cd musicali e dvd), che si attesta attorno al 10 percento delle uscite mensili dagli scaffali. Un patrimonio di 350 mila titoli che si traduce sugli scaffali in oltre un milione di volumi.

Tra i preferiti dagli utenti nell’ultimo trimestre vi sono i classici “gialli”, gli evergreen della narrativa, ma anche le guide turistiche. Il 2011 però ha riservato una buona ascesa nella Hit dei prestiti ai volumi del “fai da te”: dallo stencil al restauro mobili, fino al giardinaggio e ai libri mirati al wellness, ovvero ginnastica, benessere psicofisico, alimentazione macrobiotica e vegetariana, ricettari e cura degli animali domestici.

Per mantenere alta la qualità del servizio sono molte le biblioteche che rimarranno aperte anche ad agosto e tra queste quelle delle località più turistiche, come Laveno, Luino, Gavirate, Sesto Calende, Ispra, Porto Ceresio, Travedona Monate e dei centri più grandi come Busto Arsizio, Somma Lombardo, Cassano Magnago. Le altre chiusure sono in genere limitate alla settimana di Ferragosto

Biblioteche aperte, ma servizio di prenotazione online in ferie. L’accesso telematico agli scaffali della Rete bibliotecaria provinciale riprenderà il 22 agosto. In queste settimane è però possibile effettuare la sola consultazione del catalogo.

Nel frattempo le biblioteche stanno già lavorando alla tre giorni di “Fai il pieno di cultura”, in programma dal 23 al 25 settembre.

10 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Record estivo di prestiti nelle biblioteche targate Varese

  1. Paolo Franchini il 10 agosto 2011, ore 16:42

    Sono certo di andare contro corrente e di far storcere il naso a qualcuno, ma trovo un po’ fuori posto (per non dire altro) che le biblioteche civiche investano denaro pubblico in volumi dedicati allo stencil o alle ricette.

Rispondi