Varese

La notte delle stelle cadenti al parco di Villa Toeplitz

Il parco di Villa Toeplitz

Nella notte del 12 luglio dell’anno scorso, “la notte delle stelle cadenti” ci lasciava il prof. Salvatore Furia, scienziato autodidatta ed eclettico, amico dei fiori e delle stelle.

Fondatore del Centro Geofisico Prealpino di Varese, pioniere della prevenzione meteo, diventò negli ultimi anni molto popolare per i pensieri positivi che accompagnavano i suoi bollettini al Gazzettino Padano. Va ricordato inoltre per le sue battaglie per il lago di Varese, i parchi del Ticino, delle Pinete di Appiano Gentile e Tradate e quello più amato: Campo dei Fiori. Lì sorge la sua creatura: la Cittadella di Scienze della Natura, realizzata in mezzo secolo di lavoro con l’apporto di generazioni di giovani che lì utilizzano il tempo libero nel lavoro, lo studio e l’accoglienza di visitatori e scolaresche. Furia ha trascorso la vita a costruire, studiare, dialogare ed educare, lasciando un’eredità visibile in opere concrete, e riposta nel cuore dei suoi moltissimi allievi che lo ricorderanno in semplicità con una messa giovedì 11 alle ore 18 presso la chiesa S. Stefano di Velate (rione di Varese).

Venerdì 12 presso il parco di Villa Toeplitz a Varese si terrà una serata di osservazione pubblica del cielo. Si inizierà, alle 21, con la lettura di alcune poesie del prof. Furia, seguite da una conferenza sul fenomeno delle piogge di meteore e sul riconoscimento delle costellazioni estive e delle loro mitologie. La visione della consueta pioggia di stelle cadenti sarà purtroppo quest’anno limitata dalla presenza della Luna piena, tuttavia al termine della conferenza sarà possibile osservare una serie di oggetti astronomici ai telescopi. La manifestazione si svolgerà all’aperto, sul prato della villa (non sono previsti posti a sedere), solo in caso di bel tempo. L’entrata è libera e gratuita.

Per maggiori informazioni tel. 0332 235491, www.astrogeo.va.it

10 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi