Varese

A fuoco mezzi della Protezione civile alla Schiranna

Attentato alla sede della Protezione civile alla Schiranna. Un atto gravissimo, l’incendio dei mezzi, che sta suscitando un’ondata di reazioni e commenti in tutta Varese. Un atto compiuto all’alba di questa mattina da ignoti, un rogo in cui sono andati distrutti un fuoristrada, due auto, gommoni e carrelli, oltre a sette biciclette e ad attrezzature utilizzate per gli interventi. Danni sono stati riportati anche dalla struttura.

Dichiara il sindaco Attilio Fontana: “Un atto gravissimo che ha colpito una delle forze che più di altre è vicina alla gente. Alla Protezione civile e a tuti i volontari va la mia massima vicinanza e il mio sostegno:non dimentichiamo che  tante attività dell’amministrazione comunale sono rese possibili grazie al lavoro del gruppo. Per questo il gesto è ancora più riprovevole ed ignobile. Mi auguro che si arrivi al più presto a rintracciarne i colpevoli. Provvederemo quanto prima alla sostituzione completa dei mezzi, dal momento che la protezione civile garatntisce innanzitutto la sicurezza dei nostri cittadini. Un ringraziamento anche a tutti coloro che in queste ore hanno espresso al gruppo comunale e all’amministrazione la loro solidarietà”

“Il vile attentato di questa notte ci ha letteralmente sconvolti”, dichiara Stefano Clerici, assessore con delega alla Protezione Civile. “Chi ha dato fuoco ai mezzi dei nostri volontari l’ha fatto con la chiara volontà di annientare il loro lavoro, colpendoli non solo materialmente, ma anche psicologicamente. Quel che è certo è che questo attentato colpisce tutti i Varesini, che al momento non possono contare sulla Protezione Civile”. “Ancora non possiamo quantificare con esattezza i danni subiti, ma si tratterebbe di almeno 150 mila euro. L’Amministrazione Comunale si metterà subito in moto per ridare sede, mezzi e dignità ad una Protezione Civile ferita da questo infame attentato.

“Ciò che mi sta più a cuore in questo momento”, conclude Clerici, “è confortare i nostri volontari e assicurarli che non resteranno soli: l’Amministrazione reperirà delle risorse economiche, e a Settembre organizzerò una festa della Protezione Civile e una grande raccolta fondi, che coinvolgeranno tutti i cittadini e gli attori economici del territorio. I Varesini hanno sempre potuto contare sulla Protezione Civile nei momenti di pericolo e difficoltà. Ora è la Protezione Civile ad avere bisogno di un aiuto da parte di tutti i Varesini. Sono certo che la risposta della nostra gente non si farà attendere”.

9 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi