Canton Ticino

Sì all’Accordo dei Castelli in vista dell’Expo milanese

In questi tempi di conflitti e polemiche, l’accordo sottoscritto oggi a Bellinzona va decisamente controcorrente. Se su fisco e lavoro, ci si accapiglia, sui trasporti si riesce, invece, a trovare la quadra, come si dice. Questa mattina rappresentanti di Ticino, FFS, FS, Trenord e TILO hanno firmato e condiviso con la Regione Lombardia l’”Accordo dei Castelli”.

Le parti concordano nella volontà di sviluppare e adottare congiuntamente un preciso piano d’azione e le relative misure. Sarà potenziata l’offerta nel traffico regionale, la futura linea Lugano–Mendrisio–Varese–Malpensa sarà messa in esercizio tempestivamente e l’orario sull’asse nord–sud (Zurigo-Milano) reso più affidabile. I partner intendono inoltre rafforzare l’offerta per il tempo libero nell’area Ticino-Lombardia in vista di Expo 2015.

In vista dell’Esposizione universale di Milano del 2015 i partner dell’accordo intendono già oggi attivarsi affinché nel 2015, nel traffico regionale e internazionale a lunga percorrenza, sia garantita alla clientela un’offerta attrattiva e di buon livello. A tale scopo, questa mattina a Bellinzona, Marco Borradori, Direttore del Dipartimento del Territorio del Cantone Ticino, Andreas Meyer, CEO delle Ferrovie federali svizzere (FFS), Mauro Moretti, Amministratore Delegato delle Ferrovie dello Stato Italiane (FS), Giuseppe Biesuz, Amministratore Delegato di Trenord e Roberto Tulipani, Coordinatore regionale FFS Sud e CEO TILO SA, hanno sottoscritto e condiviso con Raffaele Cattaneo, Assessore alle Infrastrutture e mobilità della Regione Lombardia, l’«Accordo dei Castelli».

Lo sviluppo a tappe e il miglioramento della qualità nell’offerta ferroviaria transfrontaliera contempla diversi aspetti: orario, treni e infrastruttura; a questi temi le parti conferiranno particolare attenzione. La spinta propulsiva di Expo 2015 in Italia dovrà essere sfruttata per conseguire miglioramenti duraturi anche in vista dell’apertura della galleria di base del San Gottardo.

6 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi