Roma

Frontalieri, Reguzzoni (Lega) alza il tiro sul Pd

Il capogruppo leghista alla Camera, Marco Reguzzoni

“Per l’ennesima volta ci troviamo costretti a constatare che la politica del Pd è ridotta a rincorrere quella portata avanti dalla Lega Nord. A confermarlo è la dichiarazione dei deputati Marantelli e Braga sulla questione dei frontalieri”.  Questo il commento del capogruppo della Lega Nord alla Camera, Marco Reguzzoni.

“Ricordo ai colleghi del Pd – continua Reguzzoni – che il 7 giugno 2011 l’Aula ha approvato la nostra mozione, l’unica che ha chiesto l’esclusione della Svizzera dalla black list. E che il 30 giugno, avendo chiesto al ministro degli Esteri Franco Frattini entro 72 ore di ripensare i rapporti fra il nostro Paese e la Confederazione elvetica, il giorno seguente lo stesso ministro ha convocato un tavolo sulla materia”.

“Rivendichiamo con orgoglio – aggiunge l’on. Jonny Crosio – di aver per primi posto all’attenzione del Parlamento la questione dei frontalieri ponendo l’accento su un problema fondamentale per tutti i Comuni di confine e per questa importante categoria di lavoratori che meritano ogni tipo di tutela e di assoluta non discriminazione”.

“Il nostro impegno – rimarca l’onorevole Nicola Molteni – è e sarà sempre quello di stare al fianco di questi lavoratori e non accettiamo che il Pd voglia mettere il cappello su una battaglia che non è certo la loro. Faccio presente a Marantelli e Braga – prosegue Molteni – che sono stati i nostri ministri Bossi e Maroni ad affrontare per primi il problema. Non mi risulta che alti esponenti del Partito Democratico abbiano fatto altrettanto…”.

“Senza voler fare alcun tipo di demagogia – ricorda il Presidente della commissione Bilancio, Giancarlo Giorgetti – la Lega si è sempre adoperata e continuerà a farlo in tutte le sedi competenti affinché la Svizzera non faccia più parte della black list e che i frontalieri siano giustamente considerati dei lavoratori onesti e non evasori fiscali come qualcuno ha cercato di far credere. La nostra attenzione è e rimarrà alta, fino alla soluzione dei problemi che riguardano centinaia di Comuni nelle Province di Varese, Sondrio, Como, Lecco e Verbania”.

2 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Frontalieri, Reguzzoni (Lega) alza il tiro sul Pd

  1. Rete Avanti Tutta il 3 agosto 2011, ore 09:01

    Tutti si danno da fare per rivendicare la richiesta di cancellazione della Svizzera dalla black list e quindi risolvere il problema dei frontalieri, ma la Svizzera rinuncerà alle immense risorse finanziarie provenienti da fonti poco chiare per meritare la cancellazione dalla black list?

Rispondi