Angera

Soccorso acquatico, i Vigili del Fuoco ad Angera

Moto d'acqua dei Vigili del Fuoco

Continua in questo weekend e proseguirà per tutti i fine settimana del mese di agosto il Presidio Acquatico stagionale dei Vigili del Fuoco del Comando di Varese. Il servizio di prevenzione e vigilanza, che quest’anno ha preso vita all’inizio del mese di luglio a Laveno, verrà svolto anche per tutti i fine settimana del mese di agosto dalle 9 alle 18, mettendo a disposizione un’imbarcazione idonea al soccorso in acqua ed una moto d’acqua dotata di barella, con equipaggio composto da Vigili del Fuoco esperti specialisti nel soccorso acquatico.

Da questo fine settimana, la base operativa viene spostata più a sud, dal lungolago di Laveno ad Angera, nei pressi della spiaggia denominata “La noce”, dotata anche di un comodo pontile utile per l’attracco dei natanti. Tutto ciò per consentire ai soccorritori professionisti dei Vigili del Fuoco di approfondire la conoscenza delle sponde lacustri dell’area che rientra sotto la competenza del Comando varesino, anche perché il grosso del movimento dei natanti e la maggior affluenza alle spiagge avviene nel medio-basso lago.

“Il Presidio fisso delle sponde del lago – asserisce l’ingegner Vincenzo Lotito, Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco – continuerà anche quest’anno ad effettuare un prezioso servizio di prevenzione e vigilanza in acqua che potrà portare soccorso immediato a natanti o bagnanti in eventuale difficoltà grazie all’utilizzo di personale altamente specializzato e ad attrezzature immediatamente disponibili in acqua. Inoltre, le intere giornate a disposizione degli specialisti, ci consentiranno di mettere in pratica nuove tecniche di soccorso acquatico già sperimentate a Laveno. D’altro canto, bisogna anche tenere ben presenti la spiccata tendenza della provincia dei sette laghi al turismo e la massiccia presenza di gitanti e villeggianti che affollano le rive del Lago Maggiore e degli altri specchi d’acqua anche e soprattutto nei fine settimana”.

Quindi, in caso di necessità, sarà possibile ottenere soccorso anche in acqua in tempi brevissimi dai Vigili del Fuoco componendo il numero di soccorso 112.

29 luglio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi