Varese

Il miracolo delle api di padre John Oyewole

Il missionario-apicoltore

Un’esperienza originale, che è riuscita a creare un mix tra solidarietà e l’economia del nostro terriutorio. Protagonista è il simpatico padre John Oyewole, missionario in Nigeria, il quale ha fatto partire nel suo paese un fiorente allevamento di api ed è riuscito a produrre 300 chili di miele grazie al lavoro di 45 arnie. Un impegno faticoso e che ha conosciuto nel tempo diverse tappe.

A partire dalla formazione: padre John, infatti, come ricorda l’apicoltore varesino Giulio Garti, presso cui il sacerdote ha appreso i primi rudimenti, “presso di noi si è formato e si è impadronito delle nozioni base di questo tipo di produzione”. Garti ricorda che il missionario lavora con arnie africane. “Ora si apre la fase due: deve passare dalle arnie africane a quelle europee per produrre di più e meglio”. Un passaggio che richiede risorse (circa quattromila euro), che ora il missionario sta cercando di reperire.

Dietro questo cammino, e a suo sostegno, sta Confagricoltura Varese e la Provincia di Varese, che seguono con attenzione padre John e i suoi progressi. “Un eroe del nostro millennio”, è come Pasquale Gervasini, presidente dell’associazione di agricoltori varesini, definisce il sacerdote. “Non è un caso che proprio i nostri agricoltori sostengano questa iniziativa, dato che da noi il miele è una delle eccellenze del territorio”.

Alla presentazione dell’iniziativa di padre John era presente anche l’imprenditore Francesco Montano Aletti, che ha assicurato un fattivo sostegno all’avventura del sacerdote cattolico. Da parte sua l’assessore all’Agricoltura provinciale, Bruno Specchierelli, ha ribadito gli sforzi delle istituzioni, e in primo luogo della Provincia, per rilanciare il settore del miele, che presto vedrà asseggnare la dop al Miele varesino.

22 luglio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi