Milano

Il Pd Filippo Penati finisce sotto inchiesta

Filippo Penati

L’ex sindaco di Sesto San Giovanni ed ex presidente della Provincia di Milano, il Pd Filippo Penati, ora vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia per il suo partito, è indagato per i reati di concussione, corruzione e illecito finanziamento ai partiti. L’inchiesta è quella portata avanti dalla Procura della Repubblica di Monza e riguarda l’area Falck di Sesto San Giovanni.  Finiti nell’inchiesta anche altri personaggi, come Pasqualino Di Leva, assessore al Comune di Sesto con delega ai rapporti con le aziende, enti o società partecipate, per progetti relativi a risorse finanziarie ed edilizia privata.

Reati gravi, quelli che sono contestati a Penati. Secondo l’ipotesi dell’accusa sarebbero state corrisposte, o promesse, somme di denaro per agevolare il rilascio di concessioni o impostare in un determinato modo il Piano di governo del territorio (Pgt). Accusew che rientrano in un’indagine che è nata dal caso Santa Giulia, e punta a verificare possibili illeciti commessi nella gestione dell’area Falck di Sesto San Giovanni.

Secondo l’accusa sarebbero quattro miliardi di lire le tangenti pagate tra il 2001 e il 2002. Fiamme gialle in azione per effettuare una serie di perquisizioni disposte dal sostituto procuratore Walter Mapelli negli uffici del Consiglio regionale della Lombardia e in società e abitazioni di Milano e Sesto San Giovanni.

20 luglio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi