Varese

Tribunale di Varese, buoni i risultati del cambiamento

E’ in corso al Tribunale di Varese un processo di riorganizzazione e innovazione che punta a “tagliare” i tempi di attesa e rendere più rapide le risposte alle esigenze dei cittadini. Un processo che vedrà un primo bilancio in occasione del convegno “Innovagiustizia”, in programma il 15 luglio, alle ore 14, presso le Ville Ponti di Varese. Anche Varese partecipa a pieno titolo al progetto nato con il patrocinio della Regione Lombardia, e  con l’utilizzo del Fondo Sociale Europeo.

La riorganizzazione, iniziata già nello scorso anno, sta producendo significativi risultati sul fronte della informatizzazione degli atti, della possibilità di ottenere certificati on line e di notificare telematicamente gli atti. Ha fatto il punto su questo importante cambiamento che si sta verificando nel Tribunale di Varese, il presidente Emilio Curtò.

Come ha ricordato il presidente Curtò, “sono circa 700 gli atti soprattutto successori che vengono redatti nel corso di un anno intero. Con l’informatizzazione (e considerando i dati a metà giugno), quest’anno siamo già arrivati a quota 324″. Un numero già alto, continua Curtò, ma che è destinato a crescere nel tempo. “I risultati di questre nuove procedure sono destinati ad aumentare con la diffusione della conoscenza di queste nuove modalità, cioè sbrigare le pratiche attraverso l’utilizzo del portale del Tribunale”. Un grande risparmio di energie, di tempo e di risorse.

Di questi e di altri cambiamenti si parlerà al convegno varesino, che sarà introdotto dallo stesso Curtò e che vedrà alcuni tra i più grandi esperti di questi temi.

11 luglio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi