Gavirate

Seconda puntata al Chiostro, “Letnow!” porta Manni

Il Chiostro di Voltorre

La rassegna letterario artistica “Letnow!” ha debuttato giovedi 7 luglio con la performance “Milano Ictus”, scandendo in maniera eccellente il primo dei battiti di lettura in quattro movimenti. Il prossimo appuntamento, giovedì 14 luglio, alle ore 20.30, svelerà una delle realtà italiane più rappresentative ed attive del panorama letterario contemporaneo, che sta dimostrando anche nella successione generazionale, l’apertura a nuove forme ed intessiture: Manni.
 
Il movimento di “Letnow!” dedicato all’edizione del testo, incontrerà la casa editrice di Lecce attraverso le novità di poesia e di narrativa per voce di tre suoi autori: Silvio Mignano, “La nostra ribelle buona educazione” (poesia), Giuseppe Villa,  “Memoriale scritto su carta chimica” (romanzo), Fabio Contestabile ”Spazi e Tempi” (poesia).

L’attività editoriale di Manni inizia nel gennaio 1984 con la rivista di letteratura “l’immaginazione” che si occupa di ricerca letteraria creando una rete di relazioni e di interessi culturali. Il primo libro pubblicato è del 1985: “Segni di poesia/lingua di pace”, antologia sulla pace con poesie di Cacciatore, Caproni, Leonetti, Luzi, Malerba, Pagliarani, Volponi, Zanzotto… La produzione si sviluppò esclusivamente nel settore della letteratura, con testi e saggistica; la prima collana, “La scrittura e la storia” è promossa da Romano Luperini, che ancora oggi la dirige. Nel 1997 inizia un’attività di sviluppo societario e organizzativo. Oggi si occupa di letteratura, sociologia, filosofia, antropologia, teatro e cinema con attenzione al dibattito dei grandi temi di politica nazionale ed internazionale.
 
I volumi che scandiranno i tre battiti di lettura del secondo movimento letnow! del 14 luglio saranno:
 
LA NOSTRA RIBELLE BUONA EDUCAZIONE (poesia) di Silvio Mignano € 18,00
“All’origine di queste poesie un’inquietitudine che spinge al movimento e che percepisce come latitante o smarrito il “senso di appartenenza”. Poesia di movimento, quindi, al grado estremo “migratoria”, che fa del viaggio – del non essere dove si è stati – il suo punto prospettico. In questa poesia, pur dopo l’eroica devastazione succeduta al “secolo breve” e pur nella coscienza acuta dell’insussistenza dell’antico staturo dell’esperienza, si mantiene ancor vivo l’impegno del racconto e della memoria.” Enrico Testa
Silvio Mignano è nato nel 1965 a Fondi. Ha vissuto a lungo a Cuba, in Kenya, a Basilea e in Bolivia. Vive il lavoro e la scrittura come impegni di passione. Ha pubblicato i romanzi Una lezione sull’amore (Fazi 1999) e Le porte dell’inferno (Fazi 2001); la raccolta di racconti per bambini Il regalo del rinoceronte (Manni 2004); le poesie Taccuino nero per il viaggio (Caramanica 2003) e Non abbiamo uno sceneggiatore di scorta (Gente Común 2009). Ha scritto e continua a scrivere narrativa, saggistica, recensioni in Italia, Cuba, Repubblica Dominicana, Svizzera e Bolivia. I suoi libri sono stati tradotti in spagnolo.
 
MEMORIALE SCRITTO SU CARTA CHIMICA (romanzo) di Giuseppe Villa € 25,00
La storia parte come romanzo di formazione, ma è soprattutto un’analisi della società che plasma ed assoggetta. E’ la ricerca di un’autenticità e di una via di fuga.
Ci sono gli effetti e il loro contrario, l’indagine a vari livelli di rapporti pubblici e privati da un punto di oservazione personale lucido ed insieme stralunato, evidenziato da una scrittura ricca e complessa.
Giuseppe Villa è nato nel 1966 a Monza Brianza, vive e lavora a Milano. Ha studiato Scienze politiche e Sociologia. Ha scritto poesie e racconti dei quali uno è stato pubblicato su “Lo Straniero” di Goffredo Fofi, e un altro nell’antologia Da un mondo all’altro a cura di Bruna Miorelli (Baldini e Castoldi 2006).
 
SPAZI E TEMPI (poesia) di Fabio Contestabile € 10,00
Queste poesie raccontano dell’individuo calato nella realtà: quella concreta e descrivibile nello spazio e nel tempo, che però è anche sfuggente non appena lo sguardo si faccia più acuto. Si finisce in spazi inconoscibili, lungo la curvatura del tempo e la moltiplicazione delle dimensioni, in una esperienza di smarrimento. Ad accompagnare, incerto richiamo a un “altrove”, la memoria.
Fabio Contestabile è nato nel 1954 in Svizzera, nel Canton Ticino, dove vive. Laureato in Lingua e letteratura italiana all’Università di Zurigo, ha insegnato per alcuni anni nella scuola per poi dedicarsi a studi di Linguistica storica comparata.
La sua prima raccolta poetica è del 2007.

11 luglio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi