Varese

Nicoletti (ML): no al ricorso anti-democratico del Pd

La denuncia del consigliere di Movimento Libero, Alessio Nicoletti

Alessio Nicoletti, leader di Movimento Libero e consigliere comunale d’opposizione, è indignato. Convoca una conferenza stampa a Palazzo Estense per comunicare che il Pd varesino e la lista civca Varese&Luisa hanno presentato al Tar di Milano un ricorso in merito alla distribuzione dei seggi alle opposizioni in Consiglio comunale. Il ricorso consiste nel chiedere di riconteggiare e distribuire i seggi non prendendo come riferimento il primo turno, ma il secondo, quello del ballottaggio.

Un ricorso che, se fosse accolto dai giudici milanesi (discussione il 4 ottobre), porterebbe a cacciare dal Consiglio partiti come Movimento Libero e Movimento 5 Stelle, e a distribuire nuovamente i seggi: 12 andrebbero alla coalizione di centrosinistra che ha sostenuto la Oprandi, e uno andrebbe all’Udc. Il ricorso fa riferimento ad una sentenza del Consiglio di Stato. Nicoletti, insieme agli avvocati Matteo Pelli e Carmen Botta, esponenti della giunta-ombra di Movimento Libero, alza il tiro sul Pd: “E’ questo il modello che vuole il Pd varesino? Non si può modellare il Consiglio su un turno dove votano meno cittadini e dove partiti non apparentati non sono neppure presenti. E’ un vero attacco alla rappresentatività del Consiglio comunale, con la finalità di imporre un modello anti-democratico”.

Nicoletti e gli esponenti di Movimento Libero promettono battaglia dura nelle piazze e in Aula. “Daremo battaglia per tutelare il diritto dei varesini ad essere rappresentanti in Consiglio. E facciamo appello alla candidata sindaco Luisa Oprandi perchè spinga perchè sia ritirato questo ricorso”.

9 luglio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi