Economia

Fare impresa oggi. Un dibattito di Compagnia delle Opere

Un'iniziativa della Compagnia delle Opere all'Ata Hotel

Una riflessione ad ampio spettro sul fare impresa oggi. Un’occasione per scambiare idee ed esperienze concrete sull’attività imprenditoriale, le sue motivazioni, le sue prospettive.

Oggi martedì 5 luglio, presso l’Ata Hotel di Varese, alle ore 19,  è in programma “Fare impresa. Esperienze a confronto”, una conversazione imprenditoriale e la cena sociale di Compagnia delle Opere di Varese. Un momento al quale sono stati invitati a dibattere sul tema del fare impresa Gabriele Galante, Presidente di IMF Impianti Macchine Fonderia SpA di Luino, e Attilio Briccola, direttore commerciale di Bric’s Industria Valigeria Fine SpA di Olgiate Comasco e presidente CdO Como e Sondrio. L’incontro sarà moderato dal vicepresidente di CdO Varese Giorgio Brandazza.

La conversazione prende spunto dal lavoro svolto nei mesi scorsi dalla commissione “Economia e PMI” della Compagnia delle Opere nazionale, poi elaborato nel volumetto “Fare impresa”, e propone esperienze di impresa significative come orientamento, criterio e paragone per affrontare insieme le sfide della vita imprenditoriale, anche quando le condizioni, come oggi, sono difficili.

Ai due imprenditori invitati verrà chiesto di raccontare la loro esperienza di uomini di impresa, il loro approccio al lavoro, il significato che essi attribuiscono alla loro attività. Verrà chiesto loro anche di raccontare come hanno affrontato, o stanno affrontando, questo momento di difficoltà economica. La figura dell’imprenditore, soprattutto nella relazione con i suoi collaboratori, riveste un ruolo chiave per il successo delle imprese, specialmente in periodi come questi. Solo persone mosse dal sincero desiderio di costruire qualcosa di positivo per sé e per la comunità di riferimento possono contribuire alla rinascita del tessuto imprenditoriale del nostro territorio e dell’Italia intera.

Alle ore 20.30 gli imprenditori intervenuti prenderanno parte alla cena dei soci.

5 luglio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi