Stresa

Giallisti e poeti varesini agli “aperitivi” di Stresa

Dibattito tra giallisti a Stresa

Giornata letteraria e poetica, ieri, in una piazza Cadorna soleggiata molto frequentata dai turisti. Si è chiusa alla grande la giornata conclusiva della rassegna “Stresa, un aperitivo con…”, cartellone di eventi letterari e culturali organizzatio, in collaborazione con il Comune, da Ambretta Sampietro e Lilli Luini. Una manifestazione giunta alla sua terza edizione, che ieri pomeriggio ha riservato alcuni appuntamenti di grande richiamo. Tra gli ospiti in platea, un attento neo-assessore provinciale, e consigliere comunale varesino, Piero Galparoli.

Spazio al giallo, ai suoi autori, agli intrecci con “location” del nostro territorio. Un tema che la Sampietro aveva già approfondito con la bella serie di incontri al Santuccio di Varese “Sabato giallo”. A Stresa si è partiti con quella realtà culturale che è stata un po’ la rivelazione dell’ultimo anno: l’associazione culturale “La Curiosità Letteraria” di Varese, sodalizio presieduto da Roberta Galparoli, che ieri ha animato un interessante dibattito con Raffaella Bossi, autrice di “Terra infuocata” (edito dal Gruppo Albatros-Il Filo). Un confronto che si è sapientemente allargato ad altri autori. Uno, davvero una sorpresa, è stato Alfredo Salvi, autore del volume “Il mistero della mano destra” e fratello del comico Francesco Salvi. L’altra scrittrice che è intervenuta a Stresa è Patrizia Emilitri Ruspa, una scrittrice che conosciamo da tempo e che si rivela dotata di una robusta vena di narratrice di storie e tradizioni popolari. Ieri la Ruspa ha parlato del suo ultimo volume, “Il testamento della maestra Elma”.

A leggere alcune pagine del romanzo una bravissima e giovane attrice luinese, Marzia Montagna, capace di circondare con un’aria di mistero e supence le belle pagine della scrittrice.

E’ venuto quindi il momento dell’irruzione della poesia, con una realtà varesina che è tornata alla ribalta dopo una breve assenza: il gruppo Reci Talk di Rita Clivio e Marcello Castellano. Un reading di versi che ha visto alternarsi gli stessi Clivio e Castellano, oltre a Chiara Bazzocchi, Andrea Sempiana e una poetessa molto apprezzata come Valentina Vannetti, che come sempre ha proposto versi intensi e cristianamente ispirati. Ogni poeta che è intervenuto a Stresa ha presentato anche i versi di un autore “elettivo”, molto amato: tra questi autori come Gibran e Marilyn Monroe, Gianni Clerici e Tonino Milite.

Conclusione di alto livello con la rilettura (potremmo dire anche la riscoperta?) di un grandissimo poeta della nostra tradizione, il sacerdote rosminiano e poeta Clemente Rebora, che morì proprio a Stresa. Una sorprendente lettura è stata proposta dal regista Pasquale Marrazzo, che presto debutterà al Teatro Litta di Milano con un Pirandello.

Una festa della cultura che si è chiusa con una festa del palato: un ottimo rosé di prima spremitura è stato offerto, freschissimo, dalla Cantina Rovellotti.

- FOTOGALLERY

4 luglio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi