Sport

Canottaggio, il Rotary Camp per atleti under 20

Ormai è una tradizione, nelle prime due settimane del mese di luglio, le acque del Lago di Varese vedranno protagonisti giovani provenienti da tutto il mondo che si cimentano nel canottaggio grazie a un’iniziativa voluta e organizzata da sei Rotary Club della provincia: RC Busto-Gallarate-Legnano-Ticino, RC Laveno-Luino-Alto Verbano, RC Sesto Calende-Angera-Lago Maggiore, RC Varese, RC Varese-Verbano e RC Tradate.

Giunto ormai alla sua quinta edizione, quest’anno il progetto vedrà protagonisti dodici giovani tra i 16 e i 19 anni provenienti da altrettanti paesi: Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Olanda, Rep.Ceca, Romania, Slovacchia, Stati Uniti, Turchia.

«L’appuntamento è ormai diventato una tradizione – ha dichiarato l’Assessore allo Sport Giuseppe De Bernardi Martignoni – e lo sport, in questo caso più che mai, è veicolo principe per far conoscere ai giovani ospitato il nostro canottaggio e anche la nostra provincia».

Da domenica 3 luglio, quando arriveranno a Varese per alloggiare al Collegio De Filippi, e fino alla regata conclusiva di venerdì 15 luglio, questi giovani alterneranno momenti di formazione e di attività sportiva. Così, mentre al mattino saranno affidati ai tecnici della Canottieri Gavirate per sviluppare la propria abilità alla voga, nel pomeriggio e alla sera saranno invitati dai Rotary e dai Rotaract varesini alla visita delle principali bellezze del nostro territorio. Un’area geografica che, anche nelle precedenti edizioni, ha sempre riscosso grande attenzione e affascinato i giovani protagonisti del camp.

«I giovani svolgeranno l’attività sportiva alla Canottieri Gavirate – ha spiegato Massimiliano Rommel, coordinatore del progetto insieme a Ella Lazzarini – l’obiettivo del camp è cementare spirito di socializzazione e intensificare gli scambi culturali tra i giovani ospitati e il nostro territorio».

Oltre ai rappresentanti dei Roraty organizzatori e della Canottieri Gavirate, in conferenza stampa erano presenti anche Paolo Clerici e Ugo Maspero, presidenti rispettivamente dei Rotary club Tradate e Sesto Angera, che diventeranno di ruolo dal prossimo 1 luglio, Entrambi hanno sottolineato come «questo camp si inserisce perfettamente nella nostra mission che è quella di porre grande attenzione alla globalità del mondo, declinandola poi nelle varie realtà locali».

Il tutto in puro spirito rotariano di scambio di conoscenza e amicizia. L’iniziativa varesina s’inserisce infatti in un programma del Rotary International che ogni anno offre ai giovani di tutto il mondo – non solo figli di rotariani – l’opportunità di un contatto con realtà e culture differenti. Un programma che coinvolge come organizzatori oltre un milione di rotariani in 168 paesi.

27 giugno 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi