Varese

Commissariata la sezione della Lega varesina

Il segretario del Carroccio, Carlo Piatti

Un momento difficile per la Lega Nord, anche a Varese, con gli ultimi colpi di coda delle elezioni amministrative. Dopo la “notte dei lunghi coltelli” nella sede varesina del Carroccio a finestre aperte, ore di discussione accanita, toni accesi e qualche insulto che è volato nell’aria, una riunione in cui il direttivo del Carroccio scelse, a scrutinio segreto, di mandare il segretario Piatti a fare l’assessore e di silurare l’ex assessore Gladiseo Zagatto, ora si registrano le pesanti conseguenze che quella notte ha prodotto.

Il segretario cittadino Piatti si è infatti dimesso dal suo ruolo di segretario cittadino, il ruolo che Piatti occupò dopo uno scontro forte con l’altro candidato, il giovane consigliere comunale leghista, 0ra riconfermato, Emanuele Monti. Nello scontro ebbe la meglio il moderato Piatti contro il “duro e puro” Monti. Ma ora Piatti si è dimesso. Un tema che sarà al centro del prossimo direttivo cittadino, ma nel frattempo, in vista dell’elezione del nuovo segretario, entrerà in scena un commissario che traghetterà il Carroccio.

Un momento diffcile per la Lega, che coincide con la partenza del Fontana bis, che ha visto la delegazione leghista fare spazio alla quota rosa, sia pure pagando un prezzo pesante: la spaccatura dentro la sezione cittadina e, oggi, il commissariamento della stessa culla che vide nascere il Carroccio di lotta, tanti anni fa.

19 giugno 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Commissariata la sezione della Lega varesina

  1. Giorgio il 20 giugno 2011, ore 14:55

    Non comprendo perchè si debba sempre offrire un taglio scandalistico ad ogni notizia; mi pare di capire che lo statuto del carroccio preveda la non compatibilità fra il ruolo di assessore e quello di segretario di sezione. Evidentemente questa clausola, a tutti ben nota, era nota all’ottimo segretario Piatti che, per una decisione comune con i dirigenti, ha presumibilmente preferito intraprendere la “missione” di assessore, riuscendo così a garantire una presenza più costante in questo ruolo non facile. In passato, mi pare di ricordare, solo in un’unica occasione più unica che rara era stata concessa una deroga temporale all’assessore Binelli. I tempi evidentemente sono cambiati ed in un momento così delicato per la nostra politica è di certo più proficuo avere due teste in due posizioni importanti che possano dare il meglio per il bene di tutti. Auguro al neo assessore un buon lavoro e spero che le sue capacità possano portare risultati per la nostra sicurezza! Al neo commissario “traghettatore” in attesa del nuovo segretario: in bocca al lupo ! Grazie per la pubblicazione :)

  2. Cronache dal nord Italia il 20 giugno 2011, ore 18:41

    [...] intestina sarebbe il Segretario Carlo Piatti che ad un anno dalla sua elezione ha rassegnato le dimissioni. Ne emerge l’immagine di un partito che ha esaurito la sua forza e le sue idee. La lista [...]

  3. Il Cerchio magico, il Capo e la Base | Cronache dal nord Italia il 20 giugno 2011, ore 18:43

    [...] intestina sarebbe il Segretario Carlo Piatti che ad un anno dalla sua elezione ha rassegnato le dimissioni. Ne emerge l’immagine di un partito che ha esaurito la sua forza e le sue idee. La lista [...]

Rispondi