Varese

Tra Sacro e Sacromonte, un anno nel nome di Testori

Il regista Andrea Chiodi

Dopo una prima edizione per lo più al femminile, la stagione 2011 vedrà grandi e noti attori calcare il palcoscenico della terrazza in cima al Sacro Monte di Varese per un calendario di spettacoli ricco e unico per l’eccellenza dei protagonisti e profondità dei testi rappresentati. Il festival è promosso dalla Fondazione Paolo VI per il Sacro Monte, in collaborazione con il Comune di Varese e il patrocinio della Provincia, dell’assessorato alla Cultura della Regione Lombardia e della Pontificia Commissione.

Ecco il programma: giovedì 30 giugno, ”Le confessioni di Sant’Agostino”, con Alessandro Preziosi; giovedì 7 luglio, “El Vangel per el dì d’incoeu” di Edo Mörlin Visconti, con Maurizio Zerbin e la fisarmonica di Carlo Pastori; giovedì 14 luglio, “Factum Est” di Giovanni Testori, con Andrea Soffiantini; giovedì 21 luglio, ”Giudicato” di Angela Dematté (Premio Riccione 2009), con Alberto Mancioppi, regia di Andrea Chiodi, musiche di Ferdinando Baroffio, una nuova produzione Fondazione Paolo VI per il Sacro Monte; giovedì 28 luglio, “Apocalisse di San Giovanni”, con Massimo Popolizio e percussioni Francesco Pinetti; venerdì 9 settembre, “Interrogatorio a Maria” di Giovanni Testori, con il Coro Verdemar, gruppo vocale Simple Ensemble Basilica di San Vittore, spettacolo su Maria per la Settimana dell’Addolorata; infine venerdì 23 dicembre, Sacra Rappresentazione sulla Natività-Presepe vivente per la Città di Varese, regia di Andrea Chiodi, in Piazza San Vittore, con la collaborazione dei ragazzi dell’Associazione AGGS Varese2, a sostegno di Fondazione Avsi.

La Fondazione Patrizia Nidoli metterà a disposizione degli spettatori della rassegna i cuscini a fronte di un’offerta.

14 giugno 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Tra Sacro e Sacromonte, un anno nel nome di Testori

  1. Filippo De Sanctis il 15 giugno 2011, ore 14:20

    Bravo Andrea Chiodi! Davvero una ottima stagione, unica! Sono davvero felice che il nuovo avanzi nella cultura varesina.
    Filippo De Sanctis

Rispondi