Varese

Il Pd Marantelli rilancia l’allarme-Livingston

Nessuna traccia di Piano industriale. E, soprattutto, al momento, nessun prestito ponte comunitario come previsto. Sono le sconsolate conclusioni alle quali giunge il deputato varesino del Pd, Daniele Marantelli, a proposito della compagnia aerea Livingston, dopo avere ricevuto la risposta del governo alla sua interrogazione sul futuro della compagnia e dei 430 lavoratori tuttora in cassa integrazione.

Una vicenda lunga e articolata, quella della Livingston. Dal 2009, quando il gruppo Ventaglio, per ripianare parte dei debiti, vendette la Livingston a Fg Holding, dell’imprenditore napoletano Massimo Ferrero. “Colui che ha portato la Livingston nel tunnel – dice Marantelli -, epilogo di una gestione sconsiderata precedente”. Da quel momento, continua il deputato, parte una gara bipartisan per salvare il futuro di tante famiglie. E nonostante le tante petizioni di impegno per salvare la compagnia, ad un certo punto i dipendenti della compagnia si trovano abbandonati al loro destino, con la prospettiva della cassa integrazione che scade nell’ottobre 2012.

A questo punto Marantelli decide di vederci chiaro e presenta un’interrogazione in Commissione. La risposta di questi giorni da parte del sottosegretario Saglia è deprimente. Dice Marantelli: “Il governo risponde che una possibile prospettiva si apre al momento in cui l’Ue darà il via libero ad un prestito ponte di 9,8 milioni di euro a sostegno dell’azienda. Ma quando arriverà sarà inutile – insiste Marantelli – senza un piano industriale di rilancio per la compagnia!”.

Marantelli è pronto alla collaborazione anche con altri esponenti politici di diverso orientamento, purchè si arrivi a qualcosa dio concreto. Così come è forte la collaborazione con il commissario per trovare una via d’uscita. Ma, in questo momento, “il Paese è privo anche di un Piano nazionale del trasporto, che assegni ai vari aeroporti la loro funzione”. Ancora tanta nebbia, dunque, sul caso della compagnia. Ma anche una precisa scelta di campo. “Una soluzione va trovata al più presto. Ma nel frattempo – conclude il deputato varesino – noi non lasceremo da soli i lavoratori della Livingston”.

11 giugno 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi