Sport

Nel weekend Laveno capitale della FreeBike

Un weekend all’insegna dello sport e del divertimento quello in programma con “Laveno Free Bike”, una manifestazione che si svolgerà nell’arco delle due giornate di sabato e domenica 11 e 12 giugno. Una manifestazione organizzata da Samuele Filippi con la collaborazione del Comune e della Pro Loco di Laveno Mombello. 

Nella giornata di sabato saranno allestiti in piazza Caduti del Lavoro i gazebo di sostenitori e sponsor dell’evento. Verrà poi realizzato un percorso ad ostacoli per l’esibizione del campione di bike trial Diego Donadonibus che si terrà in alternanza con le altre attività nei due giorni. Inoltre per gli amanti della discesa in mountainbike, ci sarà la possibilità attraverso la Funivia di Laveno di salire fino al Sasso del Ferro e, attraverso dei sentieri segnalati appositamente per l’evento, scendere con passaggi adrenalinici immersi nella natura.

Durante la giornata ci sarà anche un’escursione guidata in mountainbike con l’aiuto del negoziante Peruffo lungo le valli che sovrastano Laveno. Verso sera ci sarà un aperitivo offerto ai partecipanti dell’evento e si continuerà con un concerto gratuito e un’altra esibizione di biche trial.

Per quanto riguarda domenica, il programma rimane simile al sabato, con la differenza che le attività verranno interrotte verso le 15, con un trasferimento in piazza Italia per lo splash contest. In che cosa consiste lo splash contest? Semplice: sul molo verrà installata una rampa in legno, gli atleti prendendo un minimo di rincorsa salteranno sulla rampa e verranno lanciati in aria creando delle figure che poi finiranno con un bel tuffo nel lago. L’evento finirà circa alle 17.30 con un bell’aperitivo con tutto lo staff in riva al lago.

9 giugno 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Nel weekend Laveno capitale della FreeBike

  1. laura Pasquali il 10 giugno 2011, ore 09:05

    apprezzo molto gli articoli del vostro giornale perchè sono esposti in modo limpido e chiaro ; finalmente qualcuno spiega una delle tante parole nuove inglesi che vengono inventate e proposte quotidianmente!
    cordiali saluti Laura Pasquali

Rispondi