Varese

E’ ripartita la funivia Ponte di Piero-Monteviasco

L'assessore Cattaneo alla funivia

Dopo essere stato chiuso per la revisione ventennale prevista dalle legge, l’impianto della funivia di Ponte di Piero-Monteviasco, in provincia di Varese, ha ripreso oggi il servizio ed è stato riaperto al pubblico. Al viaggio inaugurale è intervenuto l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo, insieme al presidente della Provincia di Varese Dario Galli e ai sindaci della Comunità Montana Valli del Verbano.

“Grazie alla collaborazione tra enti – ha detto l’assessore alle Infastrutture, il varesino Cattaneo – abbiamo evitato che un impianto fondamentale per il territorio, sia per il trasporto pubblico locale sia a fini turistici, restasse chiuso nel pieno periodo estivo. Così come è avvenuto per altri interventi, come la funivia Argegno-Pigra (Co) e Margno-Pian delle Betulle (Lc), Regione Lombardia non si è tirata indietro in un momento di difficoltà economica mettendo sul tavolo uno sforzo significativo, per rispondere a un’esigenza sentita del territorio della provincia di Varese”.

Continua l’assessore regionale: “L’impianto che inauguriamo oggi è totalmente rinnovato e con nuove funzionalità tra le quali l’illuminazione notturna”. Il costo totale dell’intervento è stato di 630.000 euro. Regione Lombardia si è impegnata a coprire i due terzi dei costi, mettendo a disposizione 420.000 euro, mentre la restante parte è stata coperta dagli Enti locali e dal gestore.

L’intervento di revisione generale dell’impianto, aperto nel 1989, si è reso necessario dopo 20 anni dalla sua apertura, così come previsto dalla legge. Gli interventi hanno consentito l’adeguamento dei livelli di sicurezza, nel rispetto delle recenti norme emanate dalla Comunità Europea e garantiranno l’esercizio per i prossimi 20 anni della funivia.

I lavori sono iniziati nel mese di marzo e sono state necessarie 90 giornate di lavoro come previsto dal programma dei lavori, senza ritardi né maggiori oneri finanziari rispetto al piano economico approvato. La proroga alla scadenza della revisione generale fino al 2 giugno 2011 è stata concessa dall’Ustif, l’Ufficio speciale trasporti a impianti fissi, grazie anche a interventi di manutenzione straordinaria resi possibili da un finanziamento di Regione Lombardia del 2009 per 75.000 euro. Successivamente, in un incontro del 30 settembre scorso tra l’assessore Cattaneo e gli enti locali, è stato stabilito l’obiettivo di concludere i lavori della revisione ventennale dell’impianto entro il 2 giugno 2011. Infine il 19 febbraio scorso, proprio a Curiglia, l’assessore Cattaneo e i rappresentanti degli Enti locali hanno sottoscritto l’accordo per la realizzazione dell’intervento che si è concluso oggi.

L’impegno della Regione rientra in un quadro di investimenti più ampio nell’ambito del trasporto pubblico a fune che necessita di revisioni periodiche così come stabilito dalla legge. Con un decreto dell’agosto 2008, la Giunta regionale ha finanziato 6 interventi, per circa 5 milioni di euro oltre al finanziamento di 486.000 euro per la funivia di Margno e 946.000 euro per quella di Pigra.

3 giugno 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi