Lettere

Solidale con Tettamanzi

Dopo aver letto quello che, a mio parere, è un vergognoso e assolutamente privo di ogni fondamento editoriale del Direttore de “Il Giornale” riguardante il Cardinale Dionigi Tettamanzi, voglio qui pubblicamente esprimergli tutta la mia vicinanza e tutto il mio sostegno per la preziosa e insostituibile opera di Carità che Egli svolge quotidianamente nella nostra Diocesi.

Mai mi sarei aspettato da nessuno, nemmeno dal più lontano dei nemici un attacco così assurdo e ingiustificato proprio nei confronti di una persona che ogni giorno è in prima linea in difesa dei più deboli. Come non ricordare il Fondo di Solidarietà Famiglia e Lavoro che proprio il nostro Arcivescovo ha lanciato e sostenuto per tutte quelle famiglie in difficoltà? Come non ricordare tutte le sue prese di posizione nei confronti dei più deboli ed emarginati?

Carissimo Arcivescovo:  io, ma come penso tantissimi altri nella nostra Diocesi, siamo con Lei e la sosterremo sempre nella Sua preziosissima opera!

Maurizio Tortosa

25 maggio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Solidale con Tettamanzi

  1. franco giannantoni il 30 maggio 2011, ore 08:37

    Caro Direttore, che dire ancora di quella violenza verbale che ne cela altre? Foglio della destra più retriva, “il Giornale” , per la penna fascistoide del suo direttore Sallusti impegnato in una campagna che non ha uguali nel nostro Paese e credo in Europa, prende di mira un sacerdote come il cardinale di Milano Dionigi Tettamanzi che, dall’alto del suo magistero, a differenza di tanti alti prelati, non ha il timore di denunciare la corruzione del potere, il malaffare imperante, la politica del respingimento, la decadenza dei costumi in una Milano ridotta a città perduta. Peccato che l’età avanzata costringa questa altissima personalità a ritirarsi. La speranza è che chi gli succederà sappia essergli degno. Milano ne ha bisogno estremo. Cordialità, Franco Giannantoni

Rispondi