Varese

Attilio Fontana deluso: “Avrei preferito un Pdl al 26%”

Il sindaco Fontana segue lo spoglio dal suo ufficio in Comune

Il sindaco Fontana è stato per l’intero, lungo pomeriggio elettorale chiuso nel suo ufficio. Cellulare perennemente all’orecchio, il primo cittadino e candidato sindaco del centrodestra ha seguito minuto per minuto lo spoglio. Battagliero e fiducioso, Fontana ha gettato la spugna e accettato l’inevitabile balottaggio solo all’ultima manciata di voti.

Attorno a Fontana il vertice della Lega cittadina, il capolista Ghiringhelli, gli assessori Fabio Binelli e Gladiseo Zagatto, il consigliere Emanuele Monti e il segretario cittadino leghista Carlo Piatti. Nell’ufficio era presente anche la figlia del sindaco, oltre a diversi giornalisti e fotografi. Quando, per ore, il risultato è rimasto al di sotto, sia pure di un soffio, il fatidico 50% più uno, allora Fontana si è lasciato andare a qualche breve considerazione.

Un ballottaggio responsabilità del Pdl in calo o della Lega che non ha voluto stringere un’alleanza con l’Udc? “Non sono appassionato del discorso su chi sia stato colpevole, se noi o gli altri. Diciamo che avrei preferito piuttosto un Pdl al 26% e così vincere al primo turno, senza perdere altri 15 giorni e spendere altri soldi”. Non è scattata la vittoria per una manciata di voti..”E’ vero, pochi voti. Esattamente quelli che hanno ottenuto le nuove liste, come Raffo e la Greco. Non ho sbagliato nulla nelle mie analisi, quando ho detto che un’eccessiva frammentazione ci avrebbe condotti a questo esito. E’ ciò che si è verificato nella realtà”.

Gli altri, in effetti, contano. A partire dall’Udc. “Senza dubbio – continua Fontana – se avessimo tenuto in maggioranza l’Udc, non saremmo andati al ballottaggio, e non sarebbe stato un problema vincere al primo turno”. E ora, con il ballottaggio? “Apriremo un confronto con le segreterie politiche degli altri partiti”.

Un’ipotesi, quest’ultima, che fa subito storcere il naso al segretario cittadino Carlo Piatti. “D’accordo, questa è un’idea di Fontana, ma penso che la sezione cittadina della Lega la pensi diversamente, e punti ad andare da sola, senza apparentamenti”.

17 maggio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi