Varese

Al via la rassegna di Cavallari sul grande Govi

Tutto è nato dall’amore infinito di Max Cavallari (uno dei Fichi d’India) per un grande del palcoscenico italiano come l’attore genovese Gilberto Govi. Oltre e al di là della sua comicità strampalata e surreale di cui dà prova insieme all’amico Bruno Arena, Cavallari è un bravo attore, capace di reiventare gli spettacoli dell’interprete genovese, come si è visto nella commedia, che lo vedeva protagonista, “Maneggi per maritare una figlia”.

Ora Cavallari ha seguito la rassegna
“Progetto
Teatro
Scuola”
dedicata
agli
studenti
delle
scuole
superiori
della
provincia
di
Varese, che questo pomeriggio, sul palco del Teatro Apollonio di Varese, ha visto il suo debutto. Promosso dall’Associazione
 Laicale
 Don
 Luigi
 Antonetti,
 dalla
 Compagnia
 Teatrale
 Max
 Cavallari,
 dall’@@. C.V., con
 l’apporto
 organizzativo
 della
 società
 di
 eventi
 Black
Kimono
by
La
Luna
nel
Pozzo,
il
progetto
si
avvale
del
patrocinio
dell’
Ufficio
Scolastico
Territoriale,
del
Comune
e
della
Provincia
di
Varese.


Come
raccontato
dell’attore
Max
Cavallari,
uno
dei
pilastri
della
rassegna
è
la
sua
personale
volontà
di
far
rivivere
 la
 figura
 di
 Govi
 in
 tutta
 la
 sua
 complessità
 e
 interezza,
 grazie
 allo
 studio
 a
 tutto
 tondo
 della comicità
goviana,
della
profondità
storica
del
teatro
dialettale
e
dell’importanza
della
“maschera”
teatrale.
Questa
volontà
si
inserisce
perfettamente
nel
crescente
interesse
che
il
mondo
teatrale
ha
riscoperto
per
la
figura
del
comico
genovese,
studiato
e
rivalutato
negli
ultimi
anni,
anche
al
di
fuori
dei
confini
liguri.




L'Isis Keynes di Gazzada sul palco dell'Apollonio

Oggi la rassegna è partita alla grande, con l’Isis Keynes di Gazzada, che ha proposto, con bravura e buona capacità di reinterpretare la comicità di Govi, la piéce ”Sotto
a
chi
tocca”. Una buona prova di talento, a cui fa seguito, questa sera, a
cura
dell’Isis Newton di Varese, la commedia “Maneggi
per
maritare
una
figlia”, la stessa che Cavallari aveva proposto proprio all’Apollonio.

Ma la vera novità è per giovedì
24
maggio,
alle 21, quando Max presenterà il suo nuovo lavoro, “Quello
buonanima”, messo in scena con la
Compagnia
Teatrale
Max
Cavallari. Una serata in cui è in programma anche la premiazione
degli
studenti
e
degli
insegnanti
impegnati
nel
progetto. Giuria della rassegna Max
Cavallari,
Giuseppe
Musolino,
Fabio
Corradi, Giovanni
Gargiulo,
Ettore
Imparato
e
Franco
Tettamanti
(giornalista
del
Corriere
della
Sera).





15 maggio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi